Email this to someoneBuffer this pageTweet about this on TwitterShare on Google+Share on LinkedInShare on Facebook
snapchat

Snapchat via Shutterstock

Snapchat è il social del momento: fuoco di paglia o trend destinato a durare nel tempo? Ai posteri l’ardua sentenza.

I numeri, tuttavia, parlano molto chiaro: qualche giorno fa, infatti, Snapchat ha raggiunto i 150 milioni di utenti giornalieri attivi sorpassando il gigante Twitter rimasto a 136 milioni di daily users.

Un risultato decisamente sorprendente se si pensa che Facebook ha impiegato ben 5 anni per raggiungere questi numeri e che ha fatto guadagnare a Snapchat un posto d’onore nell’olimpo dei social network più amati.

snapchat 1

(Immagine via Techrunch)

L’app conta, ad oggi, più di 10 miliardi di video visti, il 60% di utenti impegnati costantemente nella produzione di nuovi contenuti e una sessione media di circa 25-30 minuti. Risultati da record che hanno fatto sì che Snapchat venisse quotato ben 20 miliardi di dollari nel mese di maggio: li vale davvero?  Continuiamo ad analizzarne i numeri.

snapchat3

Prima di tutto è necessario contestualizzarne la crescita nel marcato di riferimento senza dimenticare il ruolo degli altri players. Steve Brotman, Managing Partner di Alpha Venture Partners in un’intervista rilasciata a CNBC ha dichiarato che:

“Snapchat’s growing faster than Facebook, it has about 40% of the engagement Facebook has, with about 10%-15% of its daily active user count. Today Facebook is worth $330 billion – is Snapchat 1/16 of Facebook, given those numbers? I’d say that if you’re growing at 100% a year, arguably it’s worth more.”

Indubbiamente la crescita di Snapchat è molto più rapida rispetto a quella degli altri social; molto positivi anche i dati riguardanti l’engagement vista la natura del social che non si presta ad uno uso passivo spingendo gli utenti ad interagire in più livelli.

Se Facebook e Twitter, infatti, permettono all’utente di scorrere passivamente il feed senza compiere alcuna azione, Snapchat, al contrario, richiede attenzione ed interazione ed è proprio questa la sua forza rispetto ai competitor.

A crescere non è solo la visualizzazione dei video (8 miliardi a febbraio vs. 10 miliardi a maggio) ma anche la messaggistica che, secondo Pew Research, rappresenta, attualmente, la forma dominante di comunicazione tra gli adolescenti.

snapchat 2

La crescita si inserisce in quella più ampia tendenza che ha portato Facebook ad allocare risorse significative per i propri prodotti di messaggistica così da tenere il passo con la domanda degli utenti.

I giovanissimi preferiscono forme di comunicazione più immediate, non sono interessati alla condivisione e all’amplificazione del proprio pensiero sui social né alla “visibilità sociale”: la fruizione e il conseguente intrattenimento devono essere rapidi, veloci e non impegnativi.

Viene da sè che Snapchat sia perfetto a questo scopo e che il suo appeal tra i giovanissimi sia destinato a crescere.

Malgrado l’evidente successo del social sono molti a chiedersi come evolverà per sostenersi visto che, ad oggi, non genera alcun profitto.

Per diventare un business redditizio occorreranno tempo e notevoli investimenti nel suo sviluppo: ecco il motivo per il quale molti analisti di mercato non si trovano d’accordo con la recente valutazione di 20 miliardi di dollari e non lo vedono come una minaccia a Facebook. Zuckerberg ha creato, di fatto, una vera e propria macchina per fare soldi chiudendo il 2015 con 17.93 miliardi di fatturato.

Attualmente, Snapchat, sembra avere diverse potenzialità per monetizzare; Ads a pagamento tra i contenuti della sezione “Discover” (sembra, tra l’altro, che alcuni abbiano già pagato per il posizionamento in questa sezione), annunci tra le storie degli utenti, geo-filtri a pagamento ecc. Tutto ciò avrà, ovviamente, un impatto significativo nella User Experience ma, come abbiamo già visto per Facebook, il film può funzionare decisamente bene.

I numeri per il successo ci sono e le carte in regola per giocare una partita vincente anche: non ci resta che scoprire se Evan Spiegel, CEO a Co-founder di Snapchat, sarà in grado di trasformare la grande attenzione che ruota attorno all’app in un reale valore economico.

Commenti