fbpx

“È tutto vero: tutto è falso”, ha twittato l’ex CEO di Reddit, Ellen K. Pao, in merito a un articolo del New York Magazine. L’articolo di Max Read, citato da Pao, rivela che le metriche del traffico internet di alcune delle più grandi aziende tecnologiche sono state sopravvalutate o inventate.
 

La critica di Pao nasce da un tweet di Aram Zucker-Schariff, del Washington Post, riferito ad un estratto dell’articolo di Read che riportiamo di seguito:La critica di Pao nasce da un tweet di Aram Zucker-Schariff, del Washington Post, riferito ad un estratto dell’articolo di Read che riportiamo di seguito:

Le metriche sono false.
Prendi qualcosa di apparentemente semplice come misurare il traffico web. Le metriche dovrebbero essere la cosa più reale su Internet: sono numerabili, tracciabili e verificabili e la loro esistenza è alla base dell’attività pubblicitaria che guida le nostre più grandi piattaforme di social e di ricerca. Eppure nemmeno Facebook, la più grande organizzazione mondiale di raccolta dati, sembra in grado di produrre risposte autentiche. A ottobre, i piccoli inserzionisti hanno fatto causa al gigante dei social media, accusandolo di nascondere, per un anno, significative esagerazioni del tempo trascorso dagli utenti a guardare video sulla piattaforma (dal 60 all’80%, dice Facebook; dal 150% al 900%, dicono i querelanti). Secondo un elenco esauriente di MarketingLand, negli ultimi due anni Facebook ha ammesso di aver segnalato erroneamente la copertura dei post sulle pagine di Facebook (in due modi diversi), il tasso con cui gli utenti completano la visualizzazione dei video pubblicitari, il tempo medio trascorso leggendo gli “Instant Articles” , “La quantità  di traffico di riferimento da Facebook a siti Web esterni, il numero di visualizzazioni che i video hanno ricevuto tramite il sito mobile di Facebook e il numero di visualizzazioni video in Instant Articles. Possiamo ancora fidarci delle metriche? Anche quando ci fidiamo nella loro accuratezza, c’è sempre qualcosa di non veritiero: la mia statistica preferita quest’anno è stata la dichiarazione di Facebook secondo cui 75 milioni di persone guardavano almeno un minuto di video di Facebook tutti i giorni – sebbene, come ammette Facebook, i 60 secondi in quel minuto non avevano bisogno di essere osservati consecutivamente. Video reali, persone reali, minuti falsi. – New York Magazine

“È tutto vero: tutto è falso”, ha twittato Pao, aggiungendo “Anche i conteggi degli utenti mobile sono falsi. Nessuno ha capito come contare gli utenti che hanno effettuato il logout, come ho imparato a reddit. Ogni volta che si cambia torre cellulare, viene contato come un altro utente e ciò le metriche”

L’articolo del New York Magazine di Max Read è molto più profondo, tuttavia, lo si può sintetizzare in: “le persone sono false”, “le imprese sono false”, “il contenuto è falso”, “la nostra politica è falsa” e infine “noi stessi siamo falsi”.

Max Read evidenzia: “gli studi generalmente suggeriscono che, anno dopo anno, meno del 60% del traffico web è umano.” Alcuni anni “una buona maggioranza di questi è bot“. In effetti, metà  del traffico di YouTube nel 2013 era costituito da robot secondo il Times.

Internet ha sempre ospitato nei suoi angoli le scuole di false identità , ma quell’oscurità  ora pervade ogni suo aspetto: tutto ciò che una volta sembrava definitivamente e indiscutibilmente reale ora sembra leggermente falso; tutto ciò che una volta sembrava leggermente finto ora ha il potere e la presenza del reale. – NY Magazine
 

Quindi Read chiede cosa costituisce il traffico “reale”?
 

 

Se un troll russo che usa una fotografia di un uomo brasiliano per mascherarsi da sostenitore americano di Trump guarda un video su Facebook, questa visione è “reale”? Non solo abbiamo bot che si mascherano come umani e umani mascherati da altri umani, ma anche a volte umani mascherati da robot, che fingono di essere “assistenti personali di intelligenza artificiale”, come “M” di Facebook, per aiutare le aziende tecnologiche a possedere AI all’avanguardia. C’è anche il caso dell’influencer CGI di Instagram Lil Miquela: un essere umano finto con un corpo reale, un volto finto e un’influenza reale – NY Magazine

L’articolo è stato tradotto, qui trovi l’articolo in lingua originale.

Condividi!

L'AUTORE

ALTRI ARTICOLI DI Sujaya Ferrarese