krang

Respirare, razionalizzare, ragionare.
La volontà di realizzare un vero e proprio magazine parte da qua. In un mondo in costante movimento e trasformazione, in cui la velocità batte la precisione, tirare il freno e mettere su carta qualche riflessione “fondante, che rimanga” ci attirava da tempo.
Lo abbiamo voluto chiamare Krang, come il cervello “nemico” delle tartarughe ninja, perché ci piace immaginarcelo come un momento di pensiero al quale rivolgersi prima di muovere le braccia dei canali, dei media, dei contenuti.

È uno spazio dove segnare su carta la sfida del nostro tempo.
È il luogo in cui riflettiamo sul lavoro che svolgiamo ogni giorno e il motivo per cui lo facciamo.