Email this to someoneBuffer this pageTweet about this on TwitterShare on Google+Share on LinkedInShare on Facebook
halloween

Photo Credits: Shutterstock

Tra le varie attività di ogni buon social media manager si trova quella dedicata alla creazione di contenuti che siano in linea con alcuni eventi specifici come le festività, in quanto capaci di catalizzare le interazioni degli utenti. Una di queste feste, per ogni social media manager che si rispetti, è Halloween, una tradizione che da tipicamente anglosassone è ormai diventata internazionale, coinvolgendo sempre più persone da ogni parte del mondo.

Ecco qualche consiglio per creare una dedicata content strategy:

 

1. Proporre un contest fotografico

È un dato di fatto che i concorsi influenzino positivamente l’engagement proprio per la partecipazione diretta e per l’opportunità di vincita che permettono ad ogni utente. Quindi perché non suggerire alla propria community di scattare delle foto, con il vostro brand durante il periodo Halloween, per poi condividerle sui social con un hashtag dedicato? Anche un semplice riconoscimento per aver scattato la foto più spaventosa o ricevere un prodotto in omaggio, incentiverà ogni utente a partecipare attivamente!

2. Utilizzare hashtag popolari

Questo è un suggerimento molto facile da attuare, basta ricordarsi che ogni grande evento è correlato da hashtag dedicati e anche molto seguiti. Solo il fatto di postare con #halloween, #oct31 o #creepy vi aiuterà ad incrementare l’engagement della conversazione. Un po’ d’attenzione va invece data al tipo di conversazione nella quale ci si vuole inserire … non basta un #halloween per assicuraci che l’interazione sarà positiva! Dovete stare molto attenti ad individuare chi sono gli altri interlocutori e il relativo contenuto, per scegliere efficacemente quale conversazione è veramente adatta al vostro brand.

 

3. Esplorare nuove visuali

Nei social media l’immagine conta … e molto! Halloween rappresenta da sempre una festa sia divertente che “spaventosa” … perché non giocare in questo senso? Provare a fare dei mini-video con inquadrature spettrali o aggiungendo musica inquietante, cosa ne pensate? Se non è molto in linea con il brand, suggeriamo di scegliere uno dei vostri prodotti e giocare con ragnatele, zucche e pipistrelli … basta poco per creare uno scatto giusto!

 

4. Attivare un misterioso count down

Se volete innescare un po’ di sana curiosità tra gli utenti, perché non provare con un collaudato conto alla rovescia? L’importante è non far trapelare agli utenti di cosa si tratta. L’evento oggetto del count down potrà essere un semplice sconto, o meglio ancora il lancio di nuovo prodotto o una promozione speciale. Iniziare un count down con immagini e testi per Halloween darà ancor più suspense ad ogni attività sui social media!

Case study: Cadbury

Giusto per non farvi mancare qualche ispirazione in più, vi proponiamo una delle più interessanti campagne social media dello scorso anno. L’azienda di dolciumi inglese Cadbury ha colto l’occasione di Halloween per “riportare in vita” una delle sue storiche barrette. Ha promosso un vero e proprio concorso online per far scegliere alla community quale fosse la loro barretta preferita per poi essere riprodotta in una edizione limitata in 100 pezzi per i 100 vincitori del concorso.
La campagna risulta molto interessante per due motivi, primo è stata introdotta una celebrity inglese Rylan Clark al fine di incrementare il social buzz. Il secondo perché è riuscita a coinvolgere i fan in un vero e proprio legame di affetto e di nostalgia per il marchio e per i suoi prodotti. I numeri che dichiarano il successo della campagna non si sono fatti attendere. Dall’analisi di Visitbrain si evidenzia che sono stati generati ben 12.000 tweet con l’hashtag #CadburyCraveyard dal 26 ottobre al 1 novembre e l’analisi conferma inoltre la positiva partecipazione della celebrity, il tweet di Rylan Clark ha ricevuto oltre 1 milione di impressions.

Quindi non fatevi scappare quest’evento per sviluppare una strategia dedicata per il vostro brand!

 

Commenti