Email this to someoneBuffer this pageTweet about this on TwitterShare on Google+Share on LinkedInShare on Facebook
link_1

ow.ly/gkpe564 , goo.gl/pos36fkw, t.co/Io6dNn31. Queste simpatiche stringhe di lettere e numeri non sono le password dei miei profili social ma link che fin troppo spesso troviamo in mail, tweet e post su Facebook.

Personalizzare i link dei contenuti che postiamo nel web non è solo utile per economizzare lo spazio a disposizione ma vuol dire soprattutto rafforzare la nostra presenza nei social media.

La gente non clicca su brutti link, né su quelli impronunciabili e anonimi: i branded links sono un aspetto sottovalutato del marketing che può invece aumentare considerevolmente attenzione, consapevolezza e click-through rate dei tuoi contenuti.

Uno studio di Bitly ha evidenziato che su Twitter i link customizzati possono incrementare il tasso di click anche del 34%: perché non iniziare fin da subito allora?

link_2

Più è facile da leggere, più è facile che venga cliccato…

A proposito di password, usi più spesso parole di senso compiuto o numeri e lettere centrifugate fino all’estremo? Quale delle due ricordi meglio?

Spendere un po’ di tempo per rendere leggibili i link, magari inserendo proprio il nome del tuo brand, ne facilita la lettura e lo rende memorizzabile. Elemento non da poco considerato il poco tempo a disposizione che hai per impressionare il tuo lettore.

 

…e consigliato agli altri.

Se il tuo pubblico sa dirlo vuol dire che può ricordarlo e quindi potenzialmente condividerlo. Tra pepsi.co/playit, amaz.on/buythis e t.co/4FnbG77 quali ricorderai alla fine di questo articolo? Poi te lo richiederò.

 

Personalizzare un link ti rende riconoscibile, unico…

I servizi più utilizzati per accorciare gli url dei tuoi contenuti sono il già citato Bitly, Hootsuite e lo stesso Google. Usarli vuol dire risparmiare spazio e districare l’originario fitto intreccio di lettere e numeri, condividendo però un servizio terzo, qualcosa che vedrai spesso in giro nel web.

Quando invece usufruisci di un tuo dominio personale diventi unico: personalizzare il link che condividi con il nome del tuo brand lo rende immediatamente riconoscibile perché tutti sapranno che appartiene a te.

 

…e aumenta la fiducia con la tua audience.

Quando la gente individua un link “firmato” con il tuo brand sa immediatamente a chi ricondurlo. Questo ti può permettere di consolidare la relazione con chi ti segue ma anche usare la creatività per intercettare nuovi utenti.

Per esempio, se il focus del tuo lavoro si concentra su 2-3 argomenti, puoi considerare di acquistare qualche dominio economico che utilizzi keywords inerenti al core dei tuoi contenuti. Potrai così sbizzarrirti nel creare link unici, riconoscibili e memorizzabili, fidelizzando sempre più il tuo pubblico e incuriosendo chi invece non ti conosce ancora.

Brandizzare i link dei contenuti postati nel web, soprattutto sui social media, diventerà molto probabilmente uno standard del mondo digital. Considerata la duttilità, la facilità d’utilizzo e l’efficacia dei risultati, la personalizzazione degli url potrebbe diventare una strategia efficace per la tua attività.

Ah, già. Mi stavo per dimenticare: quali link ti ricordi?

Commenti