Email this to someoneBuffer this pageTweet about this on TwitterShare on Google+Share on LinkedInShare on Facebook

Facebook_360

È di questi giorni l’annuncio da parte di Facebook della possibilità di caricare foto panoramiche a 360°, evoluzione dell’introduzione dei video lanciati dapprima da YouTube, poi da Facebook e di recente anche da Twitter.

Sarà sufficiente realizzare un’immagine panoramica con il proprio smartphone o scattare una foto a 360° utilizzando una app o una macchina fotografica apposita, aprire Facebook e condividere la foto sul proprio profilo come si fa di solito.

Facebook riconosce automaticamente il formato panoramico e converte la foto in un’immagine in cui ci si può spostare. Una volta presente nella timeline la foto potrà essere esplorata semplicemente muovendo il dispositivo mobile o trascinandola con un dito, mentre da desktop cliccando sull’immagine per poi trascinarla con il mouse.

Le fotografie a 360° si possono riconoscere facilmente grazie ad una icona raffigurante una bussola posta in alto a destra delle immagini stesse.

Ma con quali dispositivi sarà compatibile questa nuova funzione?

  • iPhone dal 4s in poi
  • iPad mini 2, 3, 4
  • iPad Air, iPad Air 2
  • iPad Pro
  • Samsung Galaxy s7, s6 o s5
  • Galaxy Note 4 o 5

Come per i video a 360° anche i post contenenti fotografie panoramiche sono compatibili con i principali visori per la realtà virtuale come il Samsung Gear VR.

Le foto a 360° su Facebook posso essere utilizzate anche a livello di pagine aziendali, e non è difficile immaginare quanti utilizzi possano essere possibili a livello business. Basti pensare ad un agriturismo che utilizza la funzionalità per far vedere i propri ambienti, interni ed esterni, o ad un’impresa che inaugura la nuova sede e ne approfitta per farla vedere ai propri fan.

È già possibile visualizzare alcune foto scattate da personaggi famosi come quella di Manhattan di Mark Zuckerberg, del palco di Paul McCartney, della Stazione Spaziale Internazionale della NASA e della Corte Suprema attraverso il New York Times.

Non ci resta che aspettare e vedere invase le nostre bacheche!

Commenti