Email this to someoneBuffer this pageTweet about this on TwitterShare on Google+Share on LinkedInShare on Facebook
ceres sanremo

Sabato 13 febbraio, si è svolta la finale della 66esima edizione del Festival di Sanremo, storico Festival della canzone italiana. Rispetto a quando ero piccola la percezione del Festival è molto cambiata: se una volta, infatti, le serate sanremesi erano considerate un fiore all’occhiello della musica italiana, negli ultimi anni il Festival ha conosciuto un cambio di reputazione non indifferente, soprattutto tra gli spettatori più giovani che hanno iniziato a seguirlo sempre meno.

Proprio per questo, il Festival ha dovuto aprirsi a nuove scelte, come quella di chiamare ospiti provenienti dal mondo dei talent o quella di utilizzare in maniera molto forte i Social Networks. Credo però che le vere potenzialità dei social per Sanremo si siano manifestate solo quest’anno, grazie ad iniziative di Real Time Marketing parallele nate con l’obiettivo di ironizzare attraverso Facebook e Twitter su quello che accadeva sopra il palco dell’Ariston.

Due su tutte hanno in particolare attratto la mia attenzione: quelle di Ceres e dei The Jackal. La prima diventata virale in twitter, raccoglieva in diretta tutte le migliori battute sul festival grazie all’hashtag #SanremoCeres (subito trending topic), ma non solo: le battute migliori, infatti, venivano stampate su un telo poi appeso fuori dal balcone di fianco al teatro Ariston, facendo così diventare gli spettatori del Festival e i fan di Ceres protagonisti assoluti della campagna di Real Time Marketing.

La seconda iniziativa, invece, è spopolata in Fb grazie ai post dei The Jackal, gruppo di creativi napoletani che ogni sera, tramite un video e gli account social, sfidava un personaggio famoso ospite del Festival a ripetere nel corso della serata una delle loro frasi topiche.

the jackal noemi noemi the jackal

Le sfide sono state seguitissime dai fan dei The Jackal e i loro post sono stati oggetto di migliaia di like e condivisioni.

Queste iniziative non solo hanno aumentato la brand awareness dei soggetti promotori delle stesse, ma hanno fatto parlare moltissimo del Festival, soprattutto tra un target più giovane che era invogliato a guardarlo per poterne discutere sui social networks.

Grazie alla spontaneità e alla facilità di interazione permessi dai social come Facebook e Twitter, quindi, anche un evento come Sanremo considerato ormai un Festival che appartiene al passato è tornato in auge, e Ceres e i The Jackal sono stati molto bravi a capirlo per primi e ad utilizzare i social a loro favore, grazie ad azioni di Real Time Marketing divertenti ed ironiche ma senza mai esagerare nei toni, assicurandosi così una grande visibilità e assicurandola, indirettamente, anche al Festival stesso.

sanremo 2016
Serve anche a te? Pensi che la tua azienda ne abbia bisogno?
 

I nostri servizi


Commenti