Email this to someoneBuffer this pageTweet about this on TwitterShare on Google+Share on LinkedInShare on Facebook

Mark Zuckerberg

Comunicare con un’azienda su Facebook sarà ancora più semplice appena saranno a regime le ultime modifiche annunciate da Zuckerberg.

Nel mio ultimo post dedicato alle novità sui Video Ads concludevo con una considerazione: Facebook vuole rendere il più semplice ed efficace possibile l’esperienza dell’utente sulla piattaforma bilanciando esigenze degli utenti ed esigenze degli advertiser.

Confermano quanto sopra ribadito le ultimissime news annunciate da Zuckerberg che sembrano voler facilitare gli utenti nel mettersi in contatto con le aziende e allo stesso tempo le aziende nel gestire le richieste e le interazioni degli utenti.

Con le Local Awareness Ads l’advertiser potrà introdurre un nuovo pulsante call-to-action “Invia un messaggio” che permetterà alle persone di iniziare una conversazione privata con la Pagina di un’azienda direttamente da un annuncio del News Feed.

Quando un utente cliccherà sul pulsante “Invia un messaggio” all’interno di un annuncio, comparirà la finestra di Facebook Messenger per scrivere e ricevere messaggi dalle aziende. I messaggi in arrivo alle Pagine includeranno un allegato con l’annuncio che ha spinto la persona ad iniziare la conversazione.

Per utilizzare questa nuova funzionalità gli advertiser devono creare un nuovo Local Awareness Ad, e aggiungere il pulsante “Invia un messaggio” selezionandolo tra le “Call to action” disponibili.

Se da un lato si semplifica il contatto dei clienti con le aziende dall’altro si cerca anche di rendere il più semplice possibile per le aziende gestire i messaggi ricevuti dagli utenti.

Di alcuni mesi fa la funzionalità Saved Replies che consente di salvare le risposte più comuni per ottimizzare tempi e risorse.

Mentre molto più recente è l’introduzione di una nuova opzione per le pagine: rispondere ai commenti tramite messaggio privato

Fino ad ora, gli amministratori delle Pagine potevano rispondere ai commenti dei loro clienti solamente rispondendo ai commenti. A partire dalle prossime settimane gli amministratori di Pagine Facebook potranno invece rispondere anche ad un commento pubblico con un messaggio privato senza dover necessariamente richiedere agli utenti di scrivere privatamente per poter poi rispondere.

Sarà sufficiente per i gestori cliccare sul nuovo pulsante “Messaggio”. Si aprirà una conversazione con l’utente che ha lasciato il commento al cui interno verrà visualizzato un link di rimando al commento in questione.

Quando un’azienda risponde utilizzando messaggi privati, vicino al commento apparirà una nota ad indicare che questo ha ricevuto una risposta in privato, di modo da far sapere agli altri visitatori della pagina che l’azienda ha gestito la richiesta.

Queste le novità sul versante rapporto pagine – utenti.

Ma Facebook non si ferma a questo. Dopo il successo di Periscope e Meerkat Zuckerberg non poteva non lanciare il suo “Live”. Al momento la possibilità di andare in streaming su Facebook è limitata all’app Mentions introdotta un anno fa e dedicata a vip e celebrities che possono così tenersi in contatto con i propri fan e trasmettere video in diretta del backstage, annunciare novità o rispondere alle domande.

Quando si inizia la trasmissione il video sarà visualizzato nella sezione Notizie dei fan, che potranno commentarlo, mettere “Mi piace” e condividerlo. Dopo la fine della trasmissione, il video sarà pubblicato sulla pagina ufficiale del vip e non scomparirà, come avviene istantaneamente su Meerkat e dopo 24 ore su Periscope, a meno che la celebrità non decida di cancellarlo. I fan potranno quindi condividerlo, facendone aumentare la diffusione.

Le risposte di Zuckerberg quindi non si fanno attendere. Prende quanto di buono fatto dagli altri e cerca di renderlo il più possibile idoneo alle caratteristiche e alle funzionalità della piattaforma. Quello che sta creando negli anni è più di una piattaforma, è un vero e proprio ecosistema di canali, applicazioni e luoghi di conversazioni. Con un’evoluzione graduale ma veloce… senza sosta.

Commenti