Email this to someoneBuffer this pageTweet about this on TwitterShare on Google+Share on LinkedInShare on Facebook

nuovo algoritmo facebook

Grandi novità in casa Zuckerberg: Facebook ha annunciato l’arrivo di un nuovo algoritmo destinato a modificare, nuovamente, i contenuti visibili nella News Feed. 

Facebook, in particolare, ha annunciato tre aggiornamenti orientati a migliorare l’esperienza del singolo utente. L’obiettivo di Zuckerberg è quello di dare maggior risalto ai contenuti che interessano di più al singolo user privilegiando i post degli amici rispetto -ahimè- a quelli delle pagine seguite.

Il primo aggiornamento permetterà a coloro i quali non dispongono, generalmente, di un grande volume di post da visualizzare nella News Feed, di vedere consecutivamente più updates dalla stessa fonte senza dover andare a cercare autonomamente nuove notizie. Ecco il comunicato ufficiale:

“The first is improving the experience for people who don’t have a lot of content available to see. Previously, we had rules in place to prevent you from seeing multiple posts from the same source in a row. With this update, we are relaxing this rule. Now if you run out of content, but want to spend more time in News Feed, you’ll see more.”

Il secondo aggiornamento, invece, mira a dare priorità ai contenuti pubblicati dai proprio amici piuttosto che a quelli postati nelle diverse fan page che si stanno seguendo. Foto, video, link ed aggiornamenti di stato provenienti dai nostri amici saranno visibili, quindi nella prima parte della News Feed a discapito degli aggiornamenti proposti dalle pagine che finiranno in basso in modo da non disturbare l’esperienza social degli utenti.

Zuckerberg, tuttavia, ha assicurato che chi interagiva con una determinata pagina, mostrando un certo interesse per i contenuti proposti dalla stessa, continuerà a visualizzarne gli aggiornamenti. Il discorso si fa molto diverso, invece, per chi non era solito commentare, condividere ed esprimere il proprio gradimento ai contenuti di una Fan Page: in questo caso la visualizzazione nella News Feed di determinati contenuti da parte dell’utente sarà penalizzata.

“If you like to read news or interact with posts from pages you care about, you will still see that content in News Feed. This update tries to make the balance of content the right one for each individual person.”

Il terzo aggiornamento, infine, andrà a ridimensionare la visibilità dei contenuti preferiti dai propri amici o, addirittura, li eliminerà del tutto.

Grazie a questo aggiornamento, insomma, non sarà più possibile vedere i “mi piace” degli amici a determinati contenuti e a determinate pagine.

“Lastly, many people have told us they don’t enjoy seeing stories about their friends liking or commenting on a post. This update will make these stories appear lower down in News Feed or not at all, so you are more likely to see the stuff you care about directly from friends and the pages you have liked.”

Qual è la portata di questi aggiornamenti nel mondo del Social Media Marketing? Come far fronte a questa apparente penalizzazione?

Non è semplice dire quali saranno gli effetti di questo cambiamento, tuttavia, sembra chiara la perdita di importanza del semplice “mi piace” destinato a divenire un valore superficiale anziché un dato realmente importante. A  fare la differenza sembra saranno le condivisioni, le uniche in grado di aumentare la reach di un post e di dimostrare l’effettivo interesse verso una determinata pagina.

L’obiettivo dei marketers sarà quello di spostare i propri aggiornamenti verso una dimensioni più personale che permetta ai diversi brand di diventare parte della conversazione dei propri fan.

I brand, per restare a galla, dovranno impegnarsi nella produzione di contenuti di grande qualità in grado di catturare l’attenzione dei fan e di spingerli ad interagire.

Intercettare i bisogni degli utenti e dar loro contenuti che rispondano alle loro esigenze, riuscendo altresì, a diventare parte integrante della loro esperienza social sarà fondamentale. 

Impossibile? Dato l’elevato numero di utenti attivi sulla piattaforma decisamente no ma, in ogni caso, molto più difficile rispetto al passato.

Commenti