Email this to someoneBuffer this pageTweet about this on TwitterShare on Google+Share on LinkedInShare on Facebook

youtube-video
Il 2015 sarà l’anno dei contenuti visivi e di Youtube. È questo quanto emerge dalle statiche sull’uso dei Social Network nel 2014 e dalle relative previsioni per il 2015.

Se volete dare il maggior risalto possibile alla vostra azienda e fare business con Youtube non potete trascurare il secondo motore di ricerca al mondo perché, come ha affermato Bryan Kramer – CEO di PureMatter -in uno dei suoi ultimi articoli è su questo canale che si possono ottenere le performance migliori.

Quando si pensa al Social Media Marketing, si tende spesso a non considerare questo canale di comunicazione perché si tende a legarlo soprattutto al mondo della musica. Youtube tuttavia ospita ogni mese oltre un miliardo di utenti, ottenendo risultati unici al mondo. In questa piattaforma vengono visualizzate ogni mese circa 6 miliardi di ore di video che, cosa fondamentale, vengono poi condivisi via Facebook, Twitter e gli altri media contribuendo a renderli virali.

Molte aziende si stanno timidamente affacciando a questa piattaforma cercando di “ingaggiare” il maggior numero di utenti; c’è chi lo sta facendo in modo professionale e c’è anche chi si sta cimentando, non avendo il budget delle grandi aziende, con la propria videocamera e tanta creatività.

Se non avete un art director a vostra disposizione e vi state chiedendo come poter muovere i primi passi su Youtube, ecco qualche consiglio!

Per prima cosa dovete creare un canale per il vostro brand, in questo modo i vostri follower più affezionati vi troveranno e potranno sostenervi direttamente su Youtube. Dopo aver creato il vostro canale su Youtube potrete personalizzarlo con il vostro logo ed inserire un’immagine di background in modo da riflettere i valori e l’identità del vostro brand. Youtube permette inoltre di condividere con facilità il contenuto sugli altri canali social e di aumentare, di conseguenza, la sua visibilità.

Costruirsi una audience su Youtube, come su qualsiasi altro canale, richiede tempo e costanza. Se per voi Youtube non è una semplice vetrina bensì un vero e proprio strumento di web marketing al tempo e alla costanza dovete sommare la frequenza: per aumentare i vostri follower non potete limitarvi a qualche aggiornamento sporadico ma è indispensabile creare moltissimi contenuti. All’inizio vi sembrerà inutile ma vedrete che se sarete costanti i risultati non tarderanno ad arrivare.

Inutile dire che quanto detto sopra non basta a creare una audience di qualità e fidelizzata: per creare engagement è fondamentale produrre contenuti di qualità che portino gli utenti a condividerli. So che dentro di voi state pensando “Ma io non sono un regista!”, beh, non è necessario essere Alfred Hitchcock per creare un buon video.

Se siete un’azienda storica potete puntare sullo Storytelling e parlare di voi, dei vostri valori e del motivo per cui un cliente dovrebbe scegliervi rispetto ad altri.
Non vi basta? Riprendete i vostri dipendenti al lavoro, chiedetegli di spendere qualche buona parola su di voi, intervistateli sul motivo per cui hanno scelto di lavorare nella vostra azienda e mettete in luce in punti di forza del vostro brand. Non servono video lunghi, gli utenti preferiscono i contenuti “mordi e fuggi” e ovviamente vogliono ottimisti e leggerezza.

Guardate ad esempio il video creato dalla Fiat con protagonisti gli operai di Melfi che ballano, con la loro tuta bianca, sulle note di “We are happy” di Pharell Williams.

Se state già usando Google AdWords non dimenticate di farlo anche con i vostri video. Google AdWords vi permetterà di raggiungere esattamente il target di utenti a cui siete interessati, in questo modo il vostro messaggio sarà perfettamente mirato e molto più incisivo.

Ricordatevi di sfruttare i servizi di analisi messi a disposizione da Youtube in modo da monitorare le prestazioni complessive del tuo canale. Dall’analisi del traffico sul vostro sito potrete ottenere preziosissime informazioni sugli utenti ( dati demografici, modalità di navigazione ecc.) e creare in questo modo campagne Adwords estremamente profilate.

Commenti