Email this to someoneBuffer this pageTweet about this on TwitterShare on Google+Share on LinkedInShare on Facebook
marketing_arena

 

Comincia il countdown, il 2015 scalpita.
Noi di Marketing Arena non potevamo esimerci dall’analizzare le tendenze social che hanno caratterizzato il 2014.
Per fare ciò mi sono avvalsa dell’aiuto di Stefano Chiarazzo, fondatore e curatore dell’Osservatorio Social Vip. Qualche intervista fa avevamo spettegolato con Stefano di personal branding e di come i Vip nostrani si comportano sui social, ora che l’anno sta per concludersi è giunto il momento di tirare le somme.

Chi sono i vip più social del 2014?
Nel 2014 Laura Pausini, Jovanotti e Belen Rodriguez si sono confermati i tre personaggi dello spettacolo più seguiti rispettivamente su Facebook, Twitter e Instagram. Tra i campioni dello sport Valentino Rossi è stato superato da Mario Balotelli su Twitter ma non ancora su Facebook, dove entrambi hanno abbattuto il muro dei 10 milioni di fan. Qualche nome da tenere d’occhio? La giovane coppia Comello-Pasquarelli, protagonista della serie Disney Violetta, e la new entry di quest’anno sui social Andrea Pirlo.

Quali canali social hanno abitato e attraverso quale tipo di contenuto hanno generato engagement?
Facebook e Twitter sono ormai una certezza mentre Instagram è in forte crescita in termini di numero di vip che lo utilizzano postando sempre più contenuti. Continuano a generare parecchio engagement le immagini, veloci e immediate sia da pubblicare che da fruire. Complici fenomeni come l’Ice Bucket Challenge quest’anno anche i video hanno funzionato molto bene.

Perché hanno riscosso tanto successo?
Popolarità e engagement sui social sono direttamente proporzionali alla visibilità sui media e alla capacità di produrre contenuti coinvolgenti, nel bene e nel male. Mario Balotelli ad esempio, reduce da un anno professionalmente negativo, incuriosisce milioni di persone con novità di gossip e atteggiamenti sopra le righe. In generale eventi sportivi come i Mondiali di Calcio o talent show come X-Factor e The Voice generano molto engagement sui social network a beneficio anche dei loro protagonisti. Ad esempio Laura Pausini, altra star internazionale che dopo essere stata coach di “La Vox Mexico” si appresta a bissare con “La Vox España”, ha visto un boom di nuovi follower e interazioni su tutti i social. Le bellissime come Belen Rodriguez stravincono ovviamente grazie ai loro fisici mozzafiato e immagini di vita familiare.

Secondo te i contenuti sono implementati in modo strategico o sono spontanei?
Si va da caso a caso. Cantanti come Ligabue e Tiziano Ferro hanno dichiarato apertamente di non frequentare i social lasciandoli in mano ai loro management mentre Vasco, ad esempio, ci ha abituati a video autoprodotti. Ci sono poi casi misti, primo tra tutti Jovanotti. Mi viene in mente anche J-Ax che a The Voice of Italy ha impazzato con i suoi axforismi. Quanti erano farina del suo sacco e quanti degli autori? Non lo sapremo mai ma il successo è stato tale da meritare l’uscita di un libro, presentato ovviamente nell’ultima puntata.

E quelli che si sono comportati peggio, chi sono?
Se c’è chi sale c’è anche chi scende. Tra i grandi nomi dello spettacolo perdono terreno Vasco e Fabri Fibra, nello sport Alessandro Del Piero e Giorgio Chiellini.

Hai notato tendenze o casi che meritano particolare menzione nel mese di dicembre?
Un boom rispetto al 2013 di videomessaggi di auguri ai fan. Da Jovanotti a Gianni Morandi (fenomeno dell’anno su Facebook), da Belen a Emma Marrone e Biagio Antonacci. Ma c’è chi come Laura Pausini, Arisa e Francesco Facchinetti ha preferito una foto.

Previsioni per il 2015?
Più che una previsione un auspicio. Nel 2014 YouTuber come Francesco Sole, The Jackall e Favij – reclutati da Tu si que vales, Anno Uno e Repubblica TV – si sono aggiunti sui mass media a nomi come Frank Matano, Clio Make Up e Willwoosh. Rocco Hunt, Deborah Iurato e Lorenzo Fragola – vincitori di Sanremo Giovani, Amici e X-Factor – hanno invece scalato le classifiche di popolarità sui principali social network. Nel 2015 mi auguro continui questo trend positivo di contaminazione tra old e new media con l’emergere di nuovi personaggi che continuino a dare finalmente un po’ di freschezza allo scenario italiano.

 

 

Commenti