Email this to someoneBuffer this pageTweet about this on TwitterShare on Google+Share on LinkedInShare on Facebook

data-visualization
Nel mondo moderno le dinamiche aziendali cambiano in fretta e il contesto in cui manager e imprenditori devono operare risulta mutevole, macchinoso e complesso. Nell’era dei Big Data quindi ciò che occorre è la semplicità e l’immediatezza nell’interpretazione dei dati, per avere così informazioni utili e di qualità a supporto delle decisioni.

La risposta che da la scienza a questa esigenza si chiama Data Visualization (per chi cerca approfondimenti consiglio di scaricare questo e-book gratuito) un concetto che intreccia lo studio del comportamento e della percezione dell’essere umano, rispetto alle decisioni aziendali fondamentali per l’indirizzo del business. In sostanza si tratta di un insieme di tecniche che permettono alle figure aziendali di ottenere valore dai dati, grazie ad una migliore visualizzazione ed esplorazione degli stessi.

La Data Visualization sta prendendo piede nelle aziende anche perché rende fruibili i dati ai non esperti IT, ottimizzando i processi decisionali aziendali.
Perché la Data Visualization funziona?
Il nostro cervello non è in grado di elaborare in autonomia la moltitudine di dati generati ogni giorno in azienda. Solo grazie alla visualizzazione (grafici e diagrammi) siamo in grado di assorbire e interpretare contemporaneamente grandi quantità di informazioni. Ecco perché è nata la Data Visualization: per esplorare 
e analizzare i dati in maniera visuale e avere una vista di sintesi sul business.
Imprenditori e manager devono ricordare però che la Data Visualization non è un fine ma bensì un mezzo, che suggerisce punti vista e letture più dinamiche del business.

Commenti