Email this to someoneBuffer this pageTweet about this on TwitterShare on Google+Share on LinkedInShare on Facebook

artigiani-digitali
L’Italia si sa, è famosa e apprezzata in tutto il mondo per le sue eccellenza manifatturiere e artigianali. Noi, anzi i nostri artigiani, hanno il cosiddetto saper fare, che sembra proprio mancare a molte realtà produttive estere. Ma il punto è: sappiamo valorizzarlo come si deve?

Molti di voi sicuramente risponderanno di no, almeno non completamente, e non avete tutti i torti. In effetti anche Google in parte concorda, e ha pensato bene di aiutare, assieme a Unioncamere, molte aziende del Made in Italy con un’idea molto semplice.

Abbiamo già visto in questo post di cosa hanno bisogno oggi i nostri artigiani per poter dire la loro in un contesto internazionale e chi può aiutarli davvero. Oggi vi parliamo di un progetto che nasce dall’Europa e ha proprio l’ambizione di valorizzare il Made in Italy, per rendere più competitive le nostre piccole e micro imprese.

Il tallone d’Achille di molte piccole aziende italiane è senza dubbio il digitale e, di conseguenza, l’internazionalizzazione, non solo in termini di capacità di aprire fisicamente nuovi mercati all’estero, ma anche di mettersi in gioco in un contesto globale soprattutto attraverso il web e i mercati elettronici. È da questo presupposto che è partito il progetto di Google e Unioncamere, e chi meglio di un giovane può avere la capacità di digitalizzare queste realtà e renderle maggiormente competitive? Nessuno, infatti.

È così che Google e Unioncamere hanno dato il via la progetto Eccellenze digitali – Made in Italy e hanno formato 107 giovani di tutta Italia che saranno presenti, a partire proprio da settembre, per 6 mesi in 52 Camere di Commercio italiane per supportare le PMI, soprattutto le micro imprese, nel loro percorso di digitalizzazione. Dall’altra parte ci sono loro, le aziende, che sono desiderose di rimboccarsi le maniche per rinnovarsi e affrontare con maggiore forza la sfida competitiva internazionale, e hanno sete dei mezzi e degli strumenti che daranno loro questo impulso. Il progetto si inserisce all’interno della campagna e-Skills for job della Commissione Europea, la quale ha stanziato 104 borse di studio della durata di 6 mesi per i giovani che opereranno all’interno delle Camere di commercio italiane.

Questi “giovani digitalizzatori”, dopo il periodo di formazione, dovranno da un lato organizzare e tenere seminari e training gratuiti aperti a tutte le imprese del territorio iscritte alle Camere di commercio, e dall’altro lato seguire passo passo le aziende che dimostrano maggiore interesse, nello sviluppo vero e proprio del loro sito web, dell’e-commerce o della loro presenza sui social network.

Eccellenze digitali, attraverso la digitalizzazione delle piccole aziende italiane, si pone tre obiettivi principali: innanzitutto aumentare la loro competitività, nel rispetto di quanto previsto dall’Agenda Digitale europea, in secondo luogo colmare il gap digitale tra le PMI e le grandi imprese, e tra le imprese nelle diverse aree del territorio italiano, e in ultimo, ma non per importanza, promuovere al meglio il Made in Italy in tutto il mondo.

Commenti