Email this to someoneBuffer this pageTweet about this on TwitterShare on Google+Share on LinkedInShare on Facebook
retail

Piantatela di pensare ad un retail come un posto in cui comprare una categoria di oggetti.
La divisione di negozi per classe merceologica è un affare da rivoluzione industriale (se poi mai veramente adottato).

Ora la propria voce va rivolta a target ben precisi, nicchie dei più diversi tipi, e occorre parlare a loro con tutta la propria voce, espandendo il proprio business a 360° verticalmente su quella nicchia.

Vestiti, attrezzi, cibo, libri, sono la base per creare un buon concept store, ma ad essi possono essere aggiunti musica, elettronica, servizi di diversi tipi e, ovviamente, ristorazione ed eventi.
Per sfruttare al meglio il potenziale delle nicchie di mercato infatti, occorre trattare il segmento senza lasciare scoperto nulla, cercando di creare vere e proprie community tra clienti che condividono una certa passione.

Decathlon è un buon primo esempio, ma occorre evolvere il format, riducendo dimensioni ed assortimento e andando a rivolgersi al cliente come punto di riferimento per quella passione che può essere uno sport, un hobby, od altro ancora.

La parte di somministrazione di alimenti legata alla creazione di eventi deve essere il fulcro della community in cui condividere idee, commenti e passioni (come il vecchio bar sport), e ad esso vanno legate una serie di opzioni indispensabili per creare margine e gestire al meglio la community:

Vestiti e strumenti

Alla maggior parte delle passioni occorrono strumenti ed un abbigliamento adeguato per metterla in atto, la selezione del negozio sarà un aspetto fondamentale per consigliare il meglio e più ricercato in materia (questo punto è legato con il posizionamento del retail).

Alimenti (acquisto e somministrazione)

Ogni gruppo nicchia ha dei cibi in e cibi out, occorre saperli individuare, prepararli e renderli disponibili al consumo dentro il negozio, piuttosto che rendere possibile l’acquisto degli ingredienti per prepararli a casa e portare tra le proprie mura il sapore della community.

Libri

Storia, foto, racconti: selezionate dei testi che esprimano lo spirito della vostra tribù
Potranno essere proposti come idee regalo per far scoprire i propri valori ad altri possibili consumatori ed al tempo stesso far appassionare i nuovi entrati, nonché far sorridere i più consolidati.

Musica

Date il tono al vostro negozio con la giusta musica che rappresenti il vostro modo di vivere: in doppia formula, anche questa, dopo essere selezionata con cura, potrà essere suonata nel locale o venduta attraverso cd, dischi o altri strumenti.

Servizi

Oltre agli eventi organizzati a tema, il vostro locale dovrà contenere una parte di laboratorio, in cui i vostri clienti potranno accedere a servizi di consulenza personalizzata, essere seguiti con cura da esperti del settore e avere un’esperienza più alta possibile.

Oltre a queste categorie assortimenti, possono essere inserite altre proposte, in funzione con il proprio target, con l’obiettivo di rafforzare il sentimento di unione all’interno della community.
Un esempio che mi ha molto colpito? Il Rapha Cycle Club di Londra

Commenti