Email this to someoneBuffer this pageTweet about this on Twitter0Share on Google+23Share on LinkedIn27Share on Facebook118
unamacchinaperrudy

Da ieri la rete ha un nuovo caso da discutere. Un progetto nato come “social crowdfunding”, suscitando non pochi dubbi soprattutto sulla tassononia visto che crowdfunding non è il termine perfetto, e finito con una casa automobilistica che per un anno regala ad un utente della rete un’automobile. Costo: 2.000 euro + polizza casco? Tra l’altro in prodotto.. e non in denaro. Per chi vuole sapere come è andata, c’è il post di Rudy, a noi interessa un altro punto.

Rudy Bandiera è un amico, ma oltre a questo piaccia o meno, è un media. E da media Smart ha trattato il caso, quasi mezzo milione di impression (secondo keyhole) per un hashtag che si è “comprata” con 2.000 euro circa? Un affarone. Un affarone che senza dubbio denota capacità di ascolto della rete, ma questo lo fanno più o meno tutti, ma che segnala anche la possibilità e la voglia di rischiare da parte di un brand che fa “all in” per due motivi: il primo è che si butta nella mischia senza paura, il secondo è che ci mette per una volta qualcosa in più di una maglietta e un evento che ha ormai stancato, ci mette il prodotto. Il primo dei due punti che voglio sottolineare è che questa azienda non ha gestito un tema di comunicazione, ha mosso sicuramente più referenti interni per dare vita ad un’operazione interessante che porterà vantaggi, lodi e stellette al marketing manager lungimirante, visto che siamo qui a parlarne, ma soprattutto porterà brand sentiment positivo e citazioni continuative verso un prodotto che è assolutamente affine al marchio Rudy Bandiera che renderà smart l’auto dei conmunicatori fichi.

Il secondo punto è il seguente: nessuno si è scandalizzato del fatto che Neymar abbia mostrato le mutande sponsorizzate durante i mondiali, oggi Rudy Bandiera è il Neymar della rete, ed ha quindi “noleggiato” la sua audience in cambio di un vantaggio, proprio come fanno i calciatori. Il vero punto focale è che il mezzo e il messaggio coincidono, Rudy non ha un procuratore che gestisce le sue sponsorizzazioni, è lui stesso prodotto, media, contenuto e contenitore. Un cambiamento non banale per chi è abituato a scindere le due cose.

Smart ha fatto bene, ha fatto benissimo. Dobbiamo però comprendere che questa azione non è “una rivoluzione social” ma è una ben più ampia nuova leva nella strategia di comunicazione, per un motivo molto semplice: il web permette una nuova e più interessante segmentazione del pubblico, e soprattutto permette di comunicare con le persone in momenti in cui l’attenzione è più o meno alta e le barriere percettive sono più o meno presenti, Smart ha integrato nel suo piano di comunicazione un’azione interessantissima, non ha solo preso una palla al balzo. Banalmente questo vuol dire mettere a budget per il futuro azioni di random act of kindness per ottenere vantaggi in termini di sentiment e reach, assolutamente comparabili con azioni di comunicazione standard.

Forse questa visione è un po’ meno romantica ma questo non è un caso di Social Media Marketing, è un caso di comunicazione. Per Rudy, come sempre, giù il cappello.

Serve anche a te? Pensi che la tua azienda ne abbia bisogno?
 

I nostri servizi


Commenti