Email this to someoneBuffer this pageTweet about this on TwitterShare on Google+Share on LinkedInShare on Facebook
pillole di futuro h farm

Si sente spesso parlare di economia della felicità, dono, e scambi informali. Di certo quanto visto ieri in H-Farm aveva tutte le caratteristiche per rientrare in questa categoria, ma forse anche qualcosa di più. ospitare quasi 100 persone durante un evento gratuito ed auto organizzato è una bella soddisfazione, per di più se tweet come il seguente gratificano una scelta non facile, quella di un tema estraneo alle “solite” cose (i social media, il web marketing, la sostenibilità etc..)

Ancora una volta Pillole Di Futuro ha dimostrato che le persone hanno bisogno di speranza, ma soprattutto di storie. Dall’energia di Yarno alla vitalità di Ferdinando, dai consigli di Riccardo alla performance di Erica e Paolo. Passando per la solidità di Marco e Antonio e l’ottimo spunto teorico di Michele, tutte persone che come ogni volta accade a Pillole Di Futuro (ed ecco anche la sua “unique selling proposition”) si mostrano spogliate di ogni ruolo accademico e raccontano con informalità e gioia la propria storia. Ma non è stata una riunione di amici davanti al camino, è stato un momento di studio collettivo sul tema dell’errore che mi ha lasciato tre spunti:

  • l’errore è parte del processo che porta al successo, ne è condizione necessaria
  • le persone più intelligenti vantano gli errori e non se ne vergognano, perché sbagliare è crescere
  • bisogna sbagliare con gli altri, perché è nell’errore “comune” che vi è una crescita di insieme

Organizzare Pillole Di Futuro è difficile e sfidante, ma è anche sempre una bella opportunità per restituire alle persone un po’ del nostro sapere, del nostro mestiere. Non vogliamo fermarci qui perché crediamo che più di un corso o un meeting, progetti come questo possano garantire una produzione di energia non banale in tempi in cui tutti siamo sopraffatti dalla velocità. Pillole di futuro è un elogio al pensiero, e chiunque può farlo proprio. Per chi non avesse ancora capito di cosa parliamo, qualche spunto di seguito.

Commenti