Email this to someoneBuffer this pageTweet about this on TwitterShare on Google+Share on LinkedInShare on Facebook

Ottimo approfondimento di Social Media Examiner su aziende ed engagement, con alcuni casi davvero carini da raccontare per aumentare le dinamiche di interazione e migliorare la relazione con i propri clienti di oggi e di domani, pronti via!

Utilizzate i Social per dare visibilità ai dipendenti e agli utenti

I Social Media sono senza dubbio uno dei luoghi digitali più “umani” che esistano. Per questo motivo nella pagina Facebook di SEO Moz potete trovare moltissimi esempi del lato umano dell’azienda. E le persone sembrano apprezzare.

Una seconda via è legata alla promozione degli eventi, da creare e promuovere su Facebook, qualche esempio?

  • Webinar
  • Seminari
  • Eventi
  • Conferenze

Da ultimo, dopo aver coinvolto interni ed esterni, è possibile offrire agli stessi una vetrina. Promuovendo ad esempio un concorso, è possibile dare visibilità ai vincitori o partecipanti, offrendo così un reword digitale alla nostra community.

De-Robottizzatevi su Twitter e partecipate alla conversazione

Utilizzare uno strumento come Vsnap per inviare messaggi diretti su Twitter può essere divertente e soprattutto molto produttivo. L’idea di fondo è quella di mostrare il lato umano dell’azienda. Ci sono tanti modi per farlo, dall’inserimento nella bio dell’host dell’account (chi materialmente lo gestisce) al monitoraggio continuo delle conversazioni con periodiche e continuative “entrate” per dialogare con gli utenti. Senza il dibattito Twitter muore (prima che ce lo diciate, noi di MarketingArena siamo consci di doverlo usare meglio, ma ce la faremo!)

Cerchie ed hangout

Le community di Google+ sono un tema emergente, di cui personalmente chi scrive “ancora diffida” ma di certa efficacia, soprattutto in due accezioni forti. La prima è legata alla possibilità di creare cerchie che le persone possono aver voglia di condividere (ad esempio una lista di speaker ad eventi, o autori interessanti). Un secondo strumento che Google+ mette a disposizione è l’hangout, ecco ad esempio l’interazione tra l’esperta di cucina del New York Times e i suoi lettori, eccellente no?

L’importanza dei gruppi Linkedin

Spesso le aziende pensano che la partecipazione su Linkedin sia limitata alle pagine o alle singole utenze. La partecipazione diretta all’interno di gruppi verticali può fare la differenza, Linkedin è un Social Network tanto più potente quanto se ne apprezza e sfrutta la profondità, partecipando.

Co-Pinnate

Invitare gli utenti a divenire contributor per la vostra Pinterest Board è molto utile. Questa funzionalità (per la verità molto push) rappresenta una sorta di mail marketing che permette di coinvolgere utenti nel co-creare contenuti multimediali su uno spazio di brand. Attenzione però al “prendi e scappa”, per permettersi un’azione così invasiva è necessario essere membri attivi della community e seguire almeno una board delle persone che desideriamo invitare

Liste e consigli su Foursquare

Imparate da Travel Channel, che ha creato una lista salvata da 8.000 persone. Lasciare consigli su Foursquare e, appunto, creare liste, può rendervi un’autorità in un certo settore e, alla lunga, state certi che il solomo (social, local, mobile) marketing pagherà

Personalizzate l’uso di Instagram

L’account Instagram della NBC ha recentemente chiesto agli utenti di caricare immagini con l’hashtag #nbcnewspics (che noi abbiamo tracciato in tempo reale con Momentz), dando crediti agli utenti le cui foto venivano scelte e ripostate (esistono diversi progetti per fare il regram delle immagini Instagram). Usate Statigram e Webstagram per massimizzare la vostra esperienza Instagram.

Cosa impariamo da questa esperienza? I Social sono una cosa seria, e soprattutto è in quelle funzionalità che necessitano di costanza e investimenti di tempo che si trova il valore per gli utenti e di conseguenza per le aziende che dialogano con gli utenti. Una bella carrellata di strumenti, ma soprattutto un approccio di profondità e “anti-broadcasting” verso il Social Media Marketing. Niente male no?

Commenti