Email this to someoneBuffer this pageTweet about this on TwitterShare on Google+Share on LinkedInShare on Facebook


In un’epoca in cui ogni informazione viene registrata e conservata negli archivi digitali, la web reputation sta diventando un aspetto impossibile da trascurare e che ha sempre più rilevanza soprattutto quando si parla di aziende.

Cos’è la web reputation?

Non è altro che la reputazione online di un’azienda che è presente sul web ed è formata da tutte le informazioni presenti in rete sui suoi prodotti e servizi.
Dall’avvento di internet e del web 2.0 entra a far parte della reputazione dell’azienda anche ciò che viene prodotto dai consumatori e dai cybernauti che si svincolano dal ruolo passivo e contribuiscono attivamente a creare un’immagine dell’azienda.

Questo aspetto ha ovviamente reso più complessa la vita delle aziende ed ha portato a conseguenze ed a situazioni un tempo insospettabili.
I clienti che esprimono giudizi negativi su servizi e prodotti non solo possono macchiare indelebilmente la credibilità del brand, ma sono in grado anche di influenzare le decisioni di potenziali futuri clienti.
I danni possono essere davvero tanti e le ripercussioni notevoli, quindi è necessario non essere colti impreparati e muoversi nella direzione giusta.

Come si cura la web reputation

Innanzitutto bisogna raccontare nel modo più opportuno l’azienda ed il modo migliore per farlo è avere un’ottima presenza sui motori di ricerca.
Trovarsi nella terza pagina dei risultati di Google equivale ad essere invisibili, quindi è poco plausibile sperare di ottenere riscontri positivi da parte dei consumatori e riuscire a creare una buona reputazione online quando invece sicuramente risulterete dei perfetti sconosciuti!

Bisogna costantemente curare la propria presenza online, produrre contenuti originali ed interessanti per attirare i consumatori ed ascoltare attentamente ciò che la rete dice a proposito della vostra azienda.
È necessario essere continuamente informati su tutto quello che si dice sul brand, occorre monitorare costantemente le conversazioni online per scoprire quali sono le opinioni che circolano e che abbiamo visto producono una serie di effetti a catena che possono essere positivi o negativi.

Ormai non si può più fare a meno di prestare ascolto e di essere attivi, poiché come ci insegna il Cluetrain Manifesto

“le aziende che non capiscono che i loro mercati sono ormai una rete tra singoli individui, sempre più intelligenti e coinvolti, stanno perdendo la loro migliore occasione.”

Come si interviene nelle conversazioni?

Allora meglio intervenire nelle conversazioni ed essere pronti e disponibili, piuttosto che subire un processo che ormai è divenuto inarrestabile.
Le opinioni dei consumatori si diffondono attraverso i canali social, blog, forum ed è fondamentale interagire correttamente, rispondere a domande e richieste ed accettare le critiche che possono essere mosse verso il vostro brand.
Gestire la comunicazione, dedicare tempo a domande e dubbi e monitorare sempre il sentiment (opinione positiva o negativa) dei clienti verso la vostra azienda, sono tutte operazioni vitali che richiedono tempo e capacità, ma che non possono più essere rimandate.

Anche dai commenti negativi avrete tanto da imparare, infatti grazie alla rete avete l’occasione di apprendere dai diretti interessati, ovvero i consumatori, quali sono i vostri punti deboli e su cosa dovete concentrarvi per migliorare e rafforzare il vostro brand per incontrare maggiore favore da parte dei clienti.

Il consiglio è di lavorare efficacemente sulla vostra brand reputation, monitorare ed ascoltare quello che la rete suggerisce, gestire con efficienza le crisi che possono presentarsi a seguito di critiche da parte degli utenti, conquistare la loro fiducia e curare il network senza mai lasciare nulla al caso.

Fonte immagine: imercatari.com

Commenti