Email this to someoneBuffer this pageTweet about this on TwitterShare on Google+Share on LinkedInShare on Facebook

La crescente ricerca di utenti su smartphone ha prepotentemente ribaltato l’importanza del local SEOPer local Seo naturalmente intendiamo un’attività (accorgimenti e ottimizzazioni) per migliorare il posizionamento sui motori di ricerca su base localizzata.

E con l’aumento di traffico su mobile queste azioni “di perfezionamento” acquistano, di conseguenza, grande importanza.
L’obiettivo è naturalmente migliorare la nostra posizione sulle SERP per farci trovare dall’utente più facilmente.

Partendo da una valutazione generale, mi sono soffermata su quanto e come la pagina aziendale di Google+ influisca sulla local-SEO. E ribadisco, dopo aver presentato una case history con numeri alla mano quanto ora i negozi, i ristoranti o gli hotel non ne possano più assolutamente fare a meno.
Essa è un concentrato densissimo di attività e strumenti che Google misura e quantifica per le loro valutazioni, e insieme scopriremo qualcosa in più al riguardo.

Mi sono imbattuta sui 20 principali fattori che influiscono sul local ranking (indagine di Moz che fa riferimento ai dati raccolti nell’arco di tutto il 2013, in totale ne sono stati individuati 83).

Ben 6 (più di un quarto) riguardano da vicino Google+ e la sua local verified page.

Ecco quali sono:

1. Corrispondenza dei dati

La corrispondenza tra i dati sulla Google+ page e il tuo sito sono fondamentali per la SEO localizzata. Moz spiega che su cinque attività che svolgono le stesse mansioni nella stessa zona, sulle ricerche prevale in posizionamento quella che ha pubblicato il suo indirizzo e numero di telefono sia sul sito che sulla pagina G+. Per Google questo è un parametro importantissimo per fornire dati “accurati” e comprovati dalla doppia presenza e relativa verifica.

2. Verifica del profilo

Sempre in termini di rilevanza di dati sicuri e verificati, secondo Moz crearsi una “pagina Google+ Local è il primo passo per essere inclusi nell’indice di Google. Il secondo passo è quello di verificare la proprietà del profilo”, attraverso una cartolina “ fisica” che arriva all’indirizzo dell’azienda. Posso aggiungere che a me, nell’hotel in cui lavoravo, è anche arrivata una telefonata dagli uffici di Google Milano mirata proprio alla verifica dei dati. Moz consiglia inoltre di non delegare ad intermediari questo passaggio. Consiglia un aiuto da personale SEO specifico per i passaggi di verifica, ma anche di fare queste operazioni attraverso il proprio account Google (quello che ha aperto la pagina per intenderci) per facilitare il controllo diretto.

3. Tag title ottimizzati

La home page del tuo sito web deve avere un tag title nella parte del suo codice che contenga l’indirizzo o parte di esso (nello screen shot vedi che si tratta di ciò che appare posizionando il mouse sulla url del browser in alto a sinistra). Scambiandosi i collegamenti (il sito con la pagina di Google+ locale, che contiene anch’essa l’indirizzo), si genera un segnale molto importante per i motori di ricerca che influenza la generazione della local SERP.

4. Recensioni ottimizzate

Nessuna recensione indicizza di più di quelle sulla pagina di Google+. Ecco le parole esatte: “Attualmente si ritiene che il numero di recensioni sul tuo business sulla sua pagina di Google+ influenza il rank in maniera maggiore rispetto le recensioni che provengono da altre piattaforme”. Specifica inoltre che un lento e progressivo aumento della quantità di esse è segno, per Google, di autenticità e veridicità. Una lenta e graduale acquisizione è quindi l’obiettivo per una “great on-line reputation”.

5. Numero di telefono locale

E’ considerata una best practice per la SEO Locale scrivere correttamente nel campo del numero di telefono principale della Google+ page il numero di telefono dell’azienda col prefisso locale.
Moz spiega che chi, ad esempio, ha messo nel campo del numero di telefono un numero verde di cortesia, è stato penalizzato. Meglio mettere questo tipo di servizio (il numero verde di cortesia) nel campo per il numero di telefono secondario.

6. Attenzione alle recensioni esterne

Le recensioni di altre piattaforme (che non siano la pagina di Google+ di cui abbiamo parlato sopra, come Tripadvisor o Yelp) sono tenute anch’esse in grande considerazione da Google per il posizionamento locale, come viene dimostrato dalla raccolta che ogni pagina verificata locale Googel+ fa nella sezione dedicata. Anche qui la pagina di Google+ è importante per vedere (sia nel tuo business che in quello dei concorrenti) quali piattaforme generano più traffico, e non scordiamoci il benefit al posizionamento dei link in uscita a questi network.

Domanda: farete ancora a meno della pagina Google+ Local?

E’ veramente uno strumento importante, anzi indispensabile. Capirne le potenzialità è un vero passo verso maggiori possibilità di essere trovati in rete.

Eppure a me non risulta ancora tanto usufruita e di conseguenza ancora sconosciuta ai più. Anche a voi risulta scarsamente utilizzata?

Serve anche a te? Pensi che la tua azienda ne abbia bisogno?
 

Commenti