Email this to someoneBuffer this pageTweet about this on TwitterShare on Google+Share on LinkedInShare on Facebook


Dopo i video dei gattini e i video virali ecco un nuovo modo di richiamare l’attenzione degli utenti: la paura.
L’agenzia di Toronto “john st” ha coniato un nuovo termine exFEARential, che indica il sentimento di paura attraverso il quale il consumatore vive una brand experience.
La paura è una delle emozioni primarie dell’essere umano, legata all’istinto di sopravvivenza, che è in grado quindi di scatenare reazioni istintive anche molto forti.
Sicuramente si tratta di un concetto originale, attraverso il quale i consumatori tenderanno a ricordare il brand.

Il loro slogan è “dai ai tuoi clienti un’esperienza che non scorderanno mai” e “faremo qualsiasi cosa perchè il nostro brand venga notato”, suggeriscono infatti finte rapine, rivolte e rapimenti di bambini, messi in scena da attori per spaventare le vittime. Dopo pochi istanti viene svelato che si tratta di uno scherzo, lasciando attoniti i protagonisti con davanti il logo del prodotto.
Resta da vedere se tutti i clienti saranno coinvolti in maniera positiva dopo aver vissuto questa esperienza.
C’è chi dice che in realtà siano tutti attori e si voglia spaventare esclusivamente il cliente attraverso la visione dello spot.

Basta guardare questo video di una finta rapina, in piena notte, per rendersi conto di cosa si tratta:

Commenti