Email this to someoneBuffer this pageTweet about this on TwitterShare on Google+Share on LinkedInShare on Facebook

Nel 2013 il mercato del crowdfunding ha subito un enorme sviluppo e trasformazione. Se prima veniva identificato spesso attraverso piattaforme dedicate a progetti creativi (musica, arte, cinema) per appassionati, ormai dilaga soprattutto per il finanziamento (più o meno diffuso) delle startup e di vari progetti imprenditoriali. Parallelamente all’ingrandirsi del fenomeno, molti Paesi, tra cui l’Italia e il Regno Unito, si sono anche dotate anche di regolamenti interni.

Ad oggi il termine Crowdfunding raccoglie numerosi metodi di raccolta del denaro (donation, equity, social lending) andando ad attrarre un pubblico molto eterogeneo, dai professionisti dei vari settori, agli investitori istituzionali fino al grande pubblico, essendo inoltre presente ormai in qualsiasi settore, dai prodotti agricoli alle tecnologie medicali.

Da quello che abbiamo visto finora nel 2013, possiamo prevedere alcuni trend che andranno a incidere nel prossimo futuro:

  • Nuovi settori ne trarranno beneficio. L’aumento di un pubblico consapevole e informato sulle potenzialità del crowdfunding, abbatterà numerose barriere ancora presenti in molti settori;
  • Nuovi attori entreranno nel mercato. Oltre alla massa di utenti, aumenterà sempre di più l’importanza degli attori finanziari, dei fondi di Venture Capital, dei broker e degli asset managers;
  • L’entrata di nuovi settori e di nuovi attori nel mercato produrranno un ecosistema di supporto. Emergeranno quindi analisti, agenzie di valutazione, consulenti sempre più in grado di offrire servizi customizzati all’interno del mondo crowd.
  • Il mercato inizierà a consolidarsi grazie all’entrata di nuovi attori e al posizionamento delle piattaforme più importanti.

Nonostante queste previsioni, il mercato resta ancora abbastanza imprevedibile e mutevole, ma segnala senza dubbio un cambio radicale nel modo di finanziare le imprese, non solo startup e PMI, e in generale nel mercato finanziario, che guarda con sempre maggiore interesse al “finanziamento dal basso”. Ci vorranno ancora degli anni per generare delle best practices in termini di trasparenza, efficienza e accesso ai finanziamenti ma, senza dubbio, il crowdfunding si appresta a diventare uno dei principali elementi di cambiamento nel mercato del futuro.

Commenti