Email this to someoneBuffer this pageTweet about this on TwitterShare on Google+Share on LinkedInShare on Facebook

Si è tenuta lo scorso 21 marzo a Milano una tavola rotonda sul mobile marketing come leva per il nuovo direct marketing, organizzata da People in Touch e moderata da Nicola Mauri, fondatore di The Vortex.

Non è solo il mobile advertising a crescere negli ultimi mesi ma, più in generale, aumenta la propensione delle imprese verso l’utilizzo del canale mobile per gestire sempre più attività di promozione e fidelizzazione.
Il mobile è un canale che, se utilizzato con creatività, rappresenta un’ottima leva di engagement nel mix di comunicazione.

Apre il dibattito Antonio Giannetto, Founder & CEO at Shopstic, l’azienda che ha lanciato Pointstic, l’app per iPhone (a breve per Android) di cui avevamo già parlato in un precedente post.

Lo scopo di Pointstic, oltre a fare ricerche di mercato, è di trasformare il consumatore in promoter, dice Giannetto.

Sono intervenuti ad esporre le proprie case history alcuni esponenti di grandi aziende.

Couponing e geolocalizzazione

, Head of Digital Marketing at Value Retail – Fidenza Village. Due anni e mezzo fa hanno iniziato a fare mobile marketing attraverso gli sms, lavorando con tutte gli operatori di telecomunicazioni. Oggi, grazie al couponing e al geo-mobile targhettizzato hanno raggiunto un nuovo target e hanno creato un database relativo ai membri della card, grazie alla pubblicità via mobile di un evento di shopping dedicato.

App esperienziale

Pepe Moder, Head of Digital Media at Pirelli Tyre.
Puntando l’accento sulle trasmissioni TV che misurano l’audience attraverso Twitter, parla dell’app Autodrome, messa a punto per la Formula Uno.
Questa app è utilizzata dalle persone mentre vedono la televisione, e permette di immedesimarsi in un pilota da Gran Premio, diventando campione per un giorno, condividendo poi i contenuti.
In questo modo si raccoglie il sentiment e si pubblicizza il prodotto.

Community card

Marco Metti, Fidelity program & MVNO Director at Prenatal.
Racconta di come siano partiti chiedendosi “cosa cerca una mamma”, arrivando alla costruzione di una community e alla fidelizzazione attraverso la card dedicata alle mamme. Promozione e informazione sono le attività verso le quali Prenatal si orienta per mantenere un contatto diretto con le consumatrici. Il dispositivo mobile, grazie alla sua immediatezza e possibilità di personalizzazione, ha permesso di accorciare le distanze e costruire una relazione tra azienda e clienti.

Commenti