Email this to someoneBuffer this pageTweet about this on TwitterShare on Google+Share on LinkedInShare on Facebook

Oggi racconto la mia storia a 50 ragazzi circa, giovani e grintosi. Selezionati da un gruppo di circa 200, duecento persone con un merito molto grande, quello di aver alzato la mano per candidarsi a un percorso formativo ed esperienziale. E proprio la dimensione esperienziale viene affrontata mentre scrivo da Sebastiano Zanolli, che cita tre temi, di cui nessuno parla mai volentieri: come essere felice? Come studiare? Come provare a settare degli obiettivi?

Probabilmente non ne parla mai nessuno perché si tratta di temi inesplorati, o esplorati senza successo. Temi che non si possono ricondurre a “20 slide”, temi affrontati solo da chi ha le palle, da chi ha talento. Ma cos’è il talento?

Il talento, a mio avviso, è prima di tutto sopravvivenza. L’immagine superiore spiega proprio questo, il fatto di sapersela cavare, il saper lavorare sotto stress, con risultati di eccellenza. Il talento è poi conoscenza, qualcuno ieri mi ha chiesto “ma come fai a rispondere sempre”? In questo caso la risposta è meramente statistica, più leggi, più apprendi, meno possibilità hai di essere “fregato”, anche se non è detto che rispondere sempre sia la strategia migliore. Il talento è infine esperienza, aver visto delle cose e saperle riapplicare, soprattutto in settori in cui non ci sono delle regole fisse, nessuno di noi fa l’ingegnere del web marketing, la soggettività ci guida.

Il talento è innato? Si costruisce? Si allena? Credo che tutti abbiano un talento, probabilmente verticale. È importante scoprire il proprio e trovare la propria strada. Come eccellere, con o senza talento? Quale è il ruolo del talento nel successo e nell’eccellenza? Io credo che l’ecosistema influisca pesantemente sull’eccellenza (se apri un’azienda in un paese che cresce, sarà più facile per te eccellere), ma credo anche che il talento sia la chiave per essere anticiclici, per rompere le regole, per vincere in un mercato che perde.

Il talento è quindi, riassumendo, capacità di adattamento, mollare per ultimi, e crederci più degli altri. Quanti sono pronti?

Commenti