Email this to someoneBuffer this pageTweet about this on TwitterShare on Google+Share on LinkedInShare on Facebook

Avete presente quando nei manuali di Marketing trovavate il capitolo ricerche di mercato, e leggendole una ad una, punti elenco infiniti e tutte le diverse tipologie di questionari, vi chiedevate quando finiva quel capitolo? Diciamocelo chiaramente, le ricerche di marketing compensano in utilità ciò che manca loro in ludicità/coinvolgimento.

A meno che non siate uno statistico (ed in quel caso mi fa molto piacere stiate leggendo un blog di marketing), focus group, questionari, interviste, letti dalla parte del preponente o dell’intervistato si sono ben poco evoluti negli ultimi anni. Sì ok, ci sono Survey Monkey e tutte quelle belle piattaforme online, ma nulla di radicale, originale, ludico.

Ebbene ci siamo, è arrivato! Si chiama Pointstic, ed è un’app mobile che, spacciata per caccia al tesoro 2.0, rende ludiche le ricerche di mercato e può aprire un nuovo orizzonte sulle stesse.

Ma procediamo con calma. L’app si scarica gratuitamente e per giocare occorre registrarsi (anche tramite il Facebook log-in). Una volta entrati vi vengono proposte diverse sfide, sia in che fuori casa, e a seconda della gara dovrete scansionare codici a barre di prodotti come i preferiti, quelli che conoscete, come una vera e propria caccia al tesoro 2.0.

In cambio di queste piccole tappe, vengono concessi buoni sconto e premi differenti a seconda delle performance, che poi verranno condivisi sui social network, per aumentare il circolo vizioso della brand image e varie.

Ricapitolando in poche righe quel che leggiamo dietro le quinte dunque: con Pionistic si apre una nuova gamma di opportunità di ricerche di mercato, dove tramite rewarding alla community e molta gamification (che dà tanta viralità, googlate se non mi credete), incrociate a profilazione del target grazie alle info di Facebook e alla geolocalizzazione dei dispositivi mobile, si potranno ottenere informazioni e risposte in tempo reale su diverse domande che le aziende si pongono da sempre.

Un esempio: Che marca di yogurt stai utilizzando? Ad una domanda così non tutti
risponderebbero con il vero/si ricorderebbero, mentre con una scansione in tempo reale,
tutto è più veloce ed immediato.. E siamo solo all’inizio!

Commenti