Email this to someoneBuffer this pageTweet about this on TwitterShare on Google+Share on LinkedInShare on Facebook

Se guardiamo indietro il 2012 ha riservato storie, innovazioni ed eventi che ricorderemo negli anni. È stato un anno di grandi dati, un anno di tecnici e agende digitali, un anno di start-up e makers, un anno di strategie integrate, case history ed epic fail (come ha ben raccontato Alessandro nel suo post). Un anno di gioie e dolori per Facebook (in borsa) e Apple (le Mappe), che nonostante tutto consolidano il loro primato nei rispettivi settori. Un anno racchiuso in immagini, tweet ed hashtag, entrati ormai nel linguaggio comune di persone e media mainstream. Un 2012 dove i social media sono maturati, sono emersi Instagram e Pinterest, sono diventate più mature le aziende che popolano queste piattaforme e le professionalità attorno ad un settore in crescita alla perenne ricerca di legittimità e social performance. Oggi, con questo post che conclude l’anno editoriale di MarketingArena, vi racconto 5 social moments, tra i tanti eventi e protagonisti, che hanno lasciato il segno in questo 2012.

#Election2012 – “Four more years”

Le elezioni americane si sono giocate anche sui social media, decretando la vittoria di Obama. A testimoniarlo l’ottima intervista di Laura Olin (Social Media Manager del presidente americano) su Intervistato. Una strategia completa quella di Obama, che è riuscito a ribaltare i sondaggi grazie ad una campagna elettorale in ascesa, favorita da qualche gaffe del suo avversario e da un team di comunicazione decisamente più incisivo. Una comunicazione a 360° che ha decretato la fine della separazione tra online e offline, l’importanza dei meme virali e dei social fotografici. Una campagna che ha acceso la consapevolezza sui Big Data e l’importanza del Data Mining come tecnica per analizzare una mole di dati sempre più grande, diversa e complessa, sempre più in ottica predittiva. Obama ha festeggiato con un tweet “Four more years” che è diventato in poco tempo il più retwittato della storia e con una foto virale (sopra), vecchia ma incisiva, che lo ritrae in un momento di gioia mentre abbraccia la moglie.

#Felix Baumgartner – Red Bull Stratos

Uno dei video più visualizzati dell’anno su YouTube è stato Red Bull Stratos. L’impresa dell’austriaco Felix Baumgartner (video), che ha superato la velocità del suono, lanciatosi da quota 39.068 metri. Record anche su YouTube per il livestream più seguito, con più di 8 milioni di persone collegate. Un grande coinvolgimento cross-platform soprattutto su Facebook e Twitter dove sono nati numerosi memi virali. Lo stesso @RedBullIta ha ben sfruttato il suo testimonial d’eccezione, cercando di integrare l’impresa di Baumgartner nella cultura pop sfruttando il bagaglio iconografico accumulato dal protagonista.

#Curiosity atterra su Marte

Grande attenzione mediatica anche per lo sbarco di Curiosity su Marte. Dopo i “sette minuti di terrore” è andato tutto bene. Da quando è atterrato sul pianeta rosso il 5 agosto, Curiosity ha scattato foto, trovato un antico corso in cui scorreva l’acqua, toccato la sua prima roccia marziana e segnato il primo check-in Foursquare su Marte. Saranno 23 mesi di scoperte per il rover della Nasa, ma non saranno le uniche, ci aspettano altre imprese spaziali nel 2013.

#Instagram viene comprato da Facebook

Quest’anno le emozioni sono state condivise su immagini virali ri-editate dagli utenti. I social media sono diventati molto più visuali, grazie a Pinterest e Instagram, vere e proprie rivelazioni del 2012. Facebook ha acquisito instagram per un milione di dollari proprio per seguire (e convalidare) questo trend, colmare il gap sul mercato mobile ed espandere la propria influenza in un settore in costante crescita come quello della produzione e condivisione di fotografie. La mossa di Zuckerberg si è rivelata azzeccata, nonostante l’ultima svolta di Instagram: cambiare le privacy policy e perdere buona fetta degli utenti. Dopo la marcia indietro la piattaforma sta lentamente riguadagnando terreno.

#Csxfactor e Social Tv

Le primarie del centrosinistra sono letteralmente scoppiate sui social media, toccando il picco di coinvolgimento su twitter in occasione dei due dibattiti, quello sky con l’hashtag #CsxFactor (perché svoltosi nello studio del popolare show) e quello sulla rai, #1Csx2, tra Renzi e Bersani. Lo scontro per questa competizione si è rivelato molto interessante per il pubblico dei social media e per gli analisti che hanno descritto le campagne comunicative dei protagonisti e il sentiment connesso. È emerso come i social media siano sempre più importanti anche per la comunicazione politica ma, al contempo, non ancora determinanti. Le Primarie hanno dimostrato come l’accezione Social Tv sia sempre più radicata in programmi di approfondimento e informazione, ma anche programmi d’intrattenimento (esempio X-Factor) che sapranno integrare i social con format veloci, tematici e competitivi.

Queste sono solo 5 storie all’interno di un 2012 ricco di eventi (infografica Mashable), hashtag, innovazioni ed imprese eccezionali. Vi invito a segnalarci i vostri big moments sui commenti e ringrazio, a nome di tutta l’agenzia, i lettori e tutti gli editori che collaborano ogni giorno a costruire questo blog. Grazie per il vostro sostegno, continueremo a lavorare sodo. Abbiamo in serbo grandi sorprese per il 2013.

Buon anno a tutti! 🙂

Commenti