Email this to someoneBuffer this pageTweet about this on TwitterShare on Google+Share on LinkedInShare on Facebook

Hai mai compilato un modulo per la richiesta di una carta di credito? Quanto divertente é stato inserire i dati nelle caselle?
Immagino per nulla, però spesso i web form che troviamo nel web non sono molto diversi da quello cartacei, vedi esempio Paypal.

Ho trovato un articolo che interessante che racconta di web form narrativi.
Dopo che si è dedicato molto tempo a scrivere i contenuti più adatti per il sito, avere curato la UX e fatto il possibile affinche aumentino le conversioni spesso il form non viene valorizzato.

Lo storytelling ci può venire incontro anche in questa situazione.

Un bell’esempio è quello di Huffduffer in cui la struttura è come quella degli esercizi di inglese “fill in the blanks” .

Quelli di Vast.com hanno aumentato le conversioni del 25-40% attuando una modalità simile.

Secondo l’autore del post questi sono i motivi per cui i form narrativi sono meglio delle griglie:

  • Creano un contesto che interessa al prospect che non percepisce solo che gli vengono richiesti dei dati (utili solo ai proprietari del sito) ma si ristruttura un processo e il potenziale cliente percepisce che “il sito” è coinvolto nella sua storia personale e che il focus è su di lui.
  • I form narrativi imitano le sequenze di pensiero, rinforzano il modo di ragionare del prospect. Si mette il testo in prima persona, si simula una conversazione che potrebbe con voi o con se stesso. Si imita letteralmente quello che sta pensando al momento della conversione. Questo lo si concentra su ciò che sta facendo, sottolineando la sua sequenza di pensiero nella sua mente. Crea il senso di continuità con quello che stava facendo prima, strutturato in un modo che gli possa fare perseguire il suo obiettivo.
  • I form narrativi riducono l’attrito visivo, non solo/sempre perché utilizzano meno spazio ma soprattutto perché c’è maggiore variabilità visiva, ci sono dei contrasti dovuti alle interruzioni non cadenzate (come è invece per i moduli classici).

Nell’articolo potete trovare un altro esempio che l’autore stesso utilizzava.
Avete creato web form narrativi che hanno aumentato le conversioni o avete trovato altri esempi interessanti da condividere? Fateci sapere!

Commenti