Email this to someoneBuffer this pageTweet about this on TwitterShare on Google+Share on LinkedInShare on Facebook

Non è un mistero che l’Italia non attraversi un periodo di gran forma, in un momento così delicato però vi sono alcuni settori che sembrano cavarsela meno peggio di altri, o almeno si candidano a motori della ripresa. Tra questi il digitale ed il food, il secondo anche come volano di un’economia più materiale che mai, che può trarre però grandi vantaggi da internet e dai nuovi contesti che lo popolano. E’ con questo spirito che nasce RistoraNet, un progetto tanto complesso quanto ambizioso, a noi carissimo perché sposato da uno dei clienti (anche se il termine più indicato è partner) storici di marketingarena: Rivamar.

L’idea di RistoraNet è semplice quanto efficace, costruire un punto di incontro tra ristoratori, e tra ristoratori ed esperti nel mondo della ristorazione. Il progetto, fortemente voluto dal management di Rivamar, incontra senza dubbio tutte le complessità delle idee in start-up, ma promette molto bene: sviluppato con un sistema di gestione open source, ha incontrato da subito il favore dei tecnici che si sono dati appuntamento nell’area esperti del sito, ora non resta che aprirlo al grande pubblico!

Ma quali sono i vantaggi per un ristoratore che decide di aderire a RistoraNet?

  • Un servizio gratuito (lo sarà per sempre)
  • La possibilità di ottenere una propria scheda ristorante personalizzabile con un indirizzo URL semplice ed intuitivo (esempio www.ristoranet.it/ristorante/nomeristorante)
  • La possibilità di porre domande agli esperti ricevendo gratuitamente consigli e risposte
  • Un’area download dove poter scaricare documenti e guide utili per il mondo della ristorazione

Questo progetto rappresenta per noi di MarketingArena una grande sfida, per vari motivi: innanzitutto l’intero progetto Rivamar è da sempre un cantiere aperto (tra le ultime iniziative l’evento food 2.0 e il restyling del blog ideapesce), inoltre non tutti credono vi sia bisogno “dell’ennesimo social network”, per di più professionale e dedicato ad un target non così abituato all’utilizzo della tecnologia. Noi siamo convinti che questa idea rappresenti un’avanguardia su cui puntare, e speriamo che fra qualche tempo i risultati ci daranno ragione. Siamo senza dubbio di fronte ad un progetto “beta” quindi qualsiasi consiglio è assolutamente benvenuto, se conoscete qualche ristorante, quindi, la parola d’ordine è ristoranet!

Commenti