Email this to someoneBuffer this pageTweet about this on TwitterShare on Google+Share on LinkedInShare on Facebook


Vi avevamo già parlato della nascita di Uribu, startup digitale italiana, ha decisamente dato una svolta al settore disservizi e abusi. La possibilità, oggi, di poter segnalare da parte degli utenti lamentele e difficoltà, oltre che disservizi da parte di enti pubblici e privati, ha trovato nel web il luogo sul quale promuovere questa attività.
L’iniziativa messa in atto da parte di un gruppo di ragazzi, dai 17 ai 23 anni, ci ha da subito incuriosito e, dopo un articolo, abbiamo deciso di intervistarli.
Abbiamo avuto il piacere di contattare Andrea, uno dei ragazzi del team Uribu che ha accettato di rispondere ad alcune domande.

Ciao Andrea, volgiamo uno sguardo alla storia. Quando è nato Uribu e quali sono state le idee alla base di questo progetto?
Uribu è nato alcuni mesi fa dall’idea di alcuni amici che hanno poi realizzato il progetto insieme a me, la base di tutto è la libertà d’informazione e l’importanza della condivisione del sapere. 

Avete riscontrato dei problemi per la realizzazione dei questo progetto? Come avete agito in termini di strategie di web marketing?
Nessun problema, siamo sviluppatori ed alcuni ragazzi del team sono più che bravi. In termini di marketing, ancora non abbiamo fatto nulla, sono stati gli utenti stessi a darci valore.

Oggigiorno lamentele e disservizi vengono messi in rete attraverso i social network. Quali sono, allora, le leve sulle quali puntate e come utilizzate questi strumenti?
Cercheremo di far adottare Uribu ai comuni come piattaforma di dialogo tra cittadini e istituzioni.

Vi ritenere soddisfatti al momento del successo che state riscontrando? In termini economici, pensate di utilizzare questo strumento per poterne trarre vantaggio?
Al momento è solo una prova e vogliamo vedere che succede, poi si vedrà. 

Come state intrattenendo il rapporto con le aziende e la Pubblica Amministrazione? Sono attive e propense alla vostra iniziativa? Quali sono allora le aspettative future?
Un rapporto c’è, speriamo sia un aiuto concreto. Noi ce la mettiamo tutta.

Allora non ci resta che augurare al team Uribu un grosso in bocca al lupo!
E ricordiamoci che se abbiamo lamentele rispetto a disservizi, Uribu fa per noi!

Commenti