Email this to someoneBuffer this pageTweet about this on TwitterShare on Google+Share on LinkedInShare on Facebook

Quando parliamo con un cliente di un’azienda b2b e addirittura b2c ci sentiamo spesso dire: “il blog aziendale non ci serve, non abbiamo tempo di gestirlo, è solo uno spreco di risorse. Abbiamo già la pagina fan su Facebook, abbiamo già le nostre pagine prodotti / servizi nel sito, …”. Il più delle volte, quindi, storcono la bocca o considerano il blog aziendale quasi come un puro esercizio di stile o peggio ancora come una replica delle pagine prodotti/servizi del sito istituzionale.

Niente di più sbagliato, dato che il blog aziendale è una leva di marketing potenzialmente straordinaria per generare traffico, contatti e pure conversioni: purché sia gestito correttamente.

Guardiamo quindi COME è opportuno gestire un blog aziendale.

1) Il blog non è un altro spazio per mostrare propri prodotti o servizi: perché mai, infatti, l’utente sarebbe interessato a leggere ogni giorno quanto belli sono i vostri prodotti o quanto siete bravi? L’utente sul web cerca informazioni, cerca idee e consigli. Iniziate, quindi, a parlare di temi attinenti al vostro settore che riguardino buone pratiche, case histories di fallimenti e successi, vostri punti di vista… e lasciate fuori dal blog i prodotti. Scrivete con passione e con motivazione su un determinato argomento legato al vostro business: così facendo guadagnerete in credibilità e rispetto.

2) Il blog è cibo di qualità per i Social Network: gli articoli del vostro blog diventeranno prezioso materiale per alimentare i vostri canali Sociali, costituendo del “nutrimento” prezioso per i vostri fan. I post aumentano l’engagement della vostra audience sui Social Media e, contemporaneamente, i Social Media porteranno sempre più lettori verso il vostro blog, in un circolo virtuoso che si autoalimenta.

3) Pensate come un consumatore: pensate a quello che vi piacerebbe leggere, quali notizie, quali curiosità, in quanto persone appassionate di un certo argomento. Mettetevi nei panni dei vostri potenziali consumatori. Cosa stanno cercando sul web? Fate una ricerca per capire di quali informazioni hanno bisogno. Il consumatore è al centro di tutto!

4) Content is king! I contenuti sono fondamentali, quindi. Ci sono poi alcuni argomenti o modalità di comunicazione che dovreste affrontare perché sono preziosi e ghiotti per gli utenti. Ad esempio:

  • fate confronti e paragoni: perché preferire un trattamento rispetto ad un altro, una marca rispetto ad un’altra; una pratica rispetto ad un’altra opposta. Di frequente, infatti, le query di ricerca sui motori sono proprio esplicitate attraverso una dicotomia. Si va dal “lavastoviglie VS lavare a mano” al “Samsung VS Apple” e chi più ne ha più ne metta. Anche i confronti relativi ai costi / prezzi di un prodotto / servizio o di una certa procedura (con relativi pro e contro) sono veramente molto ricercati in internet
  • dite qual è “il migliore”: la gente, infatti, cerca e vuole “il meglio”. Ecco che articoli che parlino del “miglior modo di…” o della “migliore pratica per…” saranno premiati dall’attenzione del popolo del web
  • fate liste: sono apprezzatissime anche le liste di consigli, di trucchi, di tools che possano aiutare su qualunque problema pratico, in maniera anche schematica e di immediata comprensione.
  • parlate dei problemi: sempre nell’ottica di pensare come i vostri consumatori, cercate di parlare dei problemi in cui possono incappare su un determinato argomento. “Problema capelli secchi”; “problema con mia suocera”, “problema con l’ipod”… andate al cuore del problema!
  • problemi si, ma non dimentichiamoci delle soluzioni. Chiaramente, una volta sviscerato un problema, meglio se specifico, è importante anche andare a svelare le “soluzioni” e i “rimedi naturali” a disposizione. Anche questo tipo di post o articolo va incontro a quelle che sono le ricerche effettuate dai consumatori sul web
  • siate aggiornati su ciò che accade intorno a voi. E’ importante, infine, che parliate anche di attualità, delle mode momentanee (senza necessariamente essere frivoli), degli eventi legati al contesto temporale in cui scrivete. Dovete essere sempre aggiornati sui 5 temi dell’agenda setting del vostro settore
  • fate interviste. Il vostro settore è pieno di persone influenti che possono dare un parere autorevole su un determinato argomento. Ebbene, intervistateli! L’intervista viene rilasciata volentieri dagli influencer, anche in un’ottica di marketing personale: inoltre, l’intervistato vi aiuterà indirettamente a creare seguito e visite al vostro blog, pubblicizzando l’intervista sui propri canali di comunicazione…

E voi, che trucchi avete scoperto per gestire efficacemente un blog e mettervi in dialogo con i vostri consumatori?

Commenti