Email this to someoneBuffer this pageTweet about this on TwitterShare on Google+Share on LinkedInShare on Facebook

Oggi parliamo di televisione, musica e social media in un articolo solo! Come? Analizziamo il caso di “X Factor”, lo show dedicato alla ricerca di talenti musicali che Sky ha rilanciato nell’edizione 2011/2012.

Il format, completamente rinnovato rispetto all’impostazione data in Rai, ha riscontrato un grande consenso da parte del pubblico. Tra i fattori chiave di successo oltre ai 12 finalisti e al cast rinnovato, va sicuramente individuato il lavoro fatto a livello di web.

Per farvi un’idea vi basterà visitare la pagina sul sito di Sky dedicata al programma, il blog, il forum, o uni dei vari social network in cui è presente tra cui Facebook e Twitter.

Vediamo ora nel concreto i numeri raggiunti :

Sito Web
PAGE VIEW – 13.069.130
NEWSLETTER – 21.011 iscritti

Social Media
FACEBOOK – 121.307 Like
TWITTER – 72.530 Followers

X-Factor Web Radio 105.Net (streming radio) – 85.182

TAG App Mobile – 114.414 – Creata per Apple e Android, permette di sincronizzarsi con la diretta e di accedere mediante tablet al “dual screen”. L’utente può così visualizzare in tempo reale, informazioni, contenuti e testi delle canzoni con possibilità di interagire mediante sondaggi.

Loyalty – 30.07 minuti (tempo di permanenza)

Una grande novità di quest’anno è stata la possibilità di esprimere la propria preferenza via internet, a titolo gratuito, oltre alla classica modalità di voto attraverso sms (al costo di 0,50 centesimi).
Era così possibile votare:

  1. Da Sky.it: gli abbonati Sky potevano registrarsi al sito (o fare login se sono già registrati) indicando il proprio codice cliente Sky oppure utilizzando Facebook connect (con account verificato tramite numero telefonico o carta di credito).
  2.  Attraverso l’app del programma.

La scelta è stata vincente, perché i voti raccolti sono stati ben 2.800.000 nell’arco delle 8 puntate, un risultato eccellete se si pensa che Sanremo 2011, in quattro serate, ha registrato solo 878.000 voti.
Anche l’idea di creare un programma post messa in onda dal nome “Xtra factor”, presentato da Max Novaresi e Brenda Lodigiani, è stata efficace ai fini del coinvolgimento e della fidelizzazione tramite i social media. Il dopo-show, infatti, aveva lo scopo di far interagire il pubblico da casa via Facebook, Twitter, e Skype coi giudici. Si potevano così porre domande sui concorrenti preferiti, incontrare quelli eliminati e avere dei chiarimenti sulle scelte o sulle valutazioni esternate durante la diretta.
A completamento di questa strategia social, Sky Italia ha deciso di far uscire i singoli dei primi tre classificati su iTunes il giorno seguente la finale e, ad oggi, continua ad animare la pagina Facebook con notizie e curiosità sui protagonisti di questa edizione.

Il caso “X factor” rappresenta un’occasione in cui la sinergia tra televisione e industria discografica ha funzionato e ha dimostrato anche come mezzi tradizionali e nuovi media possano e debbano essere integrati tra loro. La “ricetta” verrà riproposta da altri in futuro, tant’è vero che già per l’edizione 2012 del Festival di Sanremo, l’organizzazione ha dichiarato alla stampa che per votare gli artisti è stato introdotto anche il canale social.

L’integrazione risulta quindi imprescindibile in primis per gli ottimi esiti ottenuti e, in secundis, perché la tendenza emergente è quella di avere un target audience attivamente partecipativo, e non più disposto a subire passivamente quanto proposto dal media televisivo.

Commenti