Email this to someoneBuffer this pageTweet about this on TwitterShare on Google+Share on LinkedInShare on Facebook

L’idea del video “7 cose che non sai sul cartone della pizza” nasce dalla volontà di rendere nota a tutti la grande disinformazione esistente in termini di smaltimento dei rifiuti, nello specifico per quanto riguarda il cartone della pizza usato, quindi sporco ed unto.

Il filmato fa parte di un progetto più ampio che è stato sviluppato da 7 studenti del corso di laurea magistrale in Marketing e Comunicazione per l’insegnamento “Pianificazione di marketing e sviluppo dei nuovi prodotti” tenuto dalla docente Monica Calcagno presso l’Università Ca’ Foscari di Venezia.
E’ stato riscontrato che la carta unta di cibo non può essere riciclata: durante la fase di macerazione, infatti, l’olio ostacola il legame tra le fibre formando macchie e buchi, e compromettendo la riuscita dell’operazione.

Il progetto consiste nell’innovazione di un prodotto chiamato “Pi Pan”, un contenitore per la pizza in acciaio inossidabile leggero, riutilizzabile fino a mille volte e completamente riciclabile, che potrebbe fungere da sostituto del cartone della pizza.
I vantaggi evidenziati dal team sono molteplici, oltre a quelli ambientali ci sono benefici che riguardano la sicurezza alimentare, dal momento che l’acciaio mantiene il gusto della pizza senza cedere odori o sostanze dannose.
Per la realizzazione del video i ragazzi si sono ispirati alla presentazione del prodotto utilizzato dalla start-up americana “Good News Reuse” che, non essendo progettato per un uso virale, è stato riadattato ad hoc.

Per garantire la viralità del filmato l’ambientazione è stata ripensata completamente, utilizzando il forno e la pala per la pizza come sfondo; la scelta della canzone aumenta il coinvolgimento del video e ne esalta le qualità comunicative, mentre la melodia è stata accuratamente tagliata per accompagnare le scene.
L’obiettivo è quello di spiegare il contesto nel quale si inserirebbe l’idea di un contenitore riutilizzabile, in particolare l’espressione seria e ferma dei ragazzi vuole rappresentare l’impossibilità di cambiare la situazione attuale, dal momento che il contenitore di cartone risulta l’unica soluzione possibile; ma le parole scritte sui cartoni indicano una presa di coscienza da parte dei giovani che, attraverso le proprie riflessioni ed idee, possono costituire un segnale di cambiamento ed educare alla logica del riciclo.

La pizza è un cibo moderno, che può adattarsi sia al concetto di fast-food sia a quello di slow-food, ma per servirla vengono trascurati alcuni particolari che comportano costi che tutti devono sostenere: per questo il messaggio finale che viene lanciato è “sei sicuro di esserti evoluto?”.

E voi, siete sicuri di esservi evoluti? Utilizzereste un contenitore riutilizzabile per la pizza?

Per chi volesse approfondire l’argomento sono disponibili le slide della presentazione del progetto.

I nomi dei 7 ragazzi impegnati in questo progetto sono, nell’ordine di apparizione nel video: Marco Papa, Stefania Paier, Andrea Possamai, Chiara Campagnaro, Sara Vivian, Letizia Cestaro e Niccolò Sponza.

Commenti