Email this to someoneBuffer this pageTweet about this on TwitterShare on Google+Share on LinkedInShare on Facebook

Brad Geddes suggerisce in un divertente articolo alcune strategie pre e post festività natalizie per gestire al meglio l’advertising online:

1. Disfare la usuale segmentazione dei clienti.
La segmentazione dei clienti utilizzata nei periodi pre-festivi può non essere adeguata al periodo natalizio. Durante le feste il consumatore non compra per se stesso, ma per gli altri, quindi decade il principio per il quale posso proporre prodotti in base a gusti, età o genere dei miei clienti abituali.

2. Rifare una nuova segmentazione ad hoc per le feste.
Rifare una nuova lista di clienti in cui includere sia quei clienti occasionali che hanno effettuato l’acquisto del prodotto una sola volta o che hanno visitato il vostro sito in passato, ma si sono deregistrati: un semplice advertising potrebbe catturare l’attenzione e ricordare al cliente l’esperienza d’acquisto del vostro prodotto o il vostro sito e invogliarlo a tornare.
Nella lista dei potenziali clienti, durante le feste, possiamo includere tutti, anche coloro che non risultano direttamente collegati ai nostri prodotti. Occorre visualizzare un pubblico molto più vasto rispetto a quello abituale e ricavare una lista dei vantaggi e dei benefici dei nostri prodotti che valga per una varietà di consumatori più ampia possibile.

3. Creare un calendario di pubblicazioni.
Organizzare una serie di interventi per aumentare la propria visibilità in un periodo in cui qualunque impresa cerca di farsi notare e scegliere la giusta tempistica può essere determinante.
Occorre pianificare la propria campagna tenendo conto della ciclicità con cui avvengono gli acquisti e pianificare azioni di conseguenza:

  • Dal Cyber Monday (primo lunedì da cui comincia lo shopping natalizio) iniziare con sconti e offerte studiate per le feste;
  • Il giorno prima del Natale intensificare la propria presenza incontrando l’interesse di tutti coloro che ancora non hanno terminato i regali e che potrebbero riparare sull’acquisto di una giftcard;
  • Dopo le feste: scontare tutte le offerte del periodo natalizio.

L’importante è ricordare che più ci si avvicina al Natale e più ci si accontenta di soluzioni “accettabili” (lo stress da regalo esaurisce la volontà di cercare e di spendere) e che i benefici del nostro prodotto non sono per i nostri acquirenti, ma per coloro che useranno quel prodotto.

4. L’advertising online nella sua veste festiva.
Prima di tutto occorre organizzare per tempo la propria campagna di advertising online: Google, per esempio, richiede un periodo di standby in cui revisiona i nostri messaggi pubblicitari prima di pubblicarli, quindi sarebbe buona norma iniziare la preparazione prima del periodo festivo.
In alcuni casi potrebbe risultare meno dispendioso (in termini di tempo) pianificare una campagna di annunci online che inizi con il periodo festivo e termini con i saldi post-festività, altrimenti è possibile controllare “manualmente”, pubblicando a rotazione i nostri annunci.
Durante le feste il consumatore è abituato ad essere bombardato da pubblicità e risulta meno indisposto a ricevere offerte commerciali. La frequenza abituale degli annunci dovrebbe essere intensificata per tutto il periodo, per poi “ritornare alla normalità” con un abbassamento della frequenza via via che si esce dal periodo festivo.

Il periodo festivo è il momento in cui più facilmente gli interessi dei venditori si incontrano con quelli del cliente: il portafoglio ne esce immancabilmente sconfitto, ma per quel lasso di tempo sono i consumatori a cercare i prodotti e ad andare loro incontro.
Succede a tutti di trovarsi immersi nel panico il giorno prima di Natale perché si è dimenticato un regalo importante, ma che proprio ci era sfuggito … ed è in quel momento che il vostro annuncio pubblicitario dovrebbe presentarsi quasi come se si trattasse di una inaspettata, fortunatissima coincidenza!

Commenti