Email this to someoneBuffer this pageTweet about this on TwitterShare on Google+Share on LinkedInShare on Facebook

Nelle ultime settimane abbiamo parlato molto di SEO e SEM e posizionamento nei motori di ricerca, ma in che modo questi influiscono nelle visite al sito, e soprattutto come convertire queste visite in vendite effettive?
Abbiamo raccolto la testimonianza di Ilaria Carion, responsabile di comunicazione di Notturnia azienda rodigina che da oltre cinque anni opera nel settore dei sistemi di riposo.

“La nostra azienda opera da oltre cinque anni nel settore dei sistemi di riposo nella città di Rovigo e provincia, dopo circa un paio d’anni di attività, ci rivolgemmo a MarketingArena per la creazione del nostro sito web.
Ci fu realizzata una splendida vetrina, contenente tutti i nostri prodotti, volta a colpire il popolo del web ma, dal 2009 fino a poche settimane fa, mai nessun cliente si era presentato nel nostro negozio affermando di averci conosciuti attraverso il nostro sito internet.

Ultimamente, invece, le cose stanno cambiando: diversi clienti passano prima dal nostro sito, prima di arrivare in negozio. Ebbene sì, non si è trattato di un improvviso miracolo, ma di una gestione costante e sistematica del sito che abbiamo intrapreso seriamente soltanto dai primi mesi del 2011, seguendo finalmente i suggerimenti di MarketingArena.

In realtà, il sito era stato costruito molto bene: keywords, linguaggio, semantica e godeva di un ottimo posizionamento anche senza essere manutenuto ma, oltre che piacere agli spider, doveva arrivare agli utenti con prodotti, immagini e contenuti validi, costantemente aggiornati.
Iniziammo prima riorganizzando il nostro catalogo prodotti con foto e descrizioni più mirate e poi, pubblicando articoli, con l’intento di trasmettere alle persone quella che è la filosofia della nostra azienda e la cultura del corretto riposo. Ci impegnammo a scrivere contenuti e non soltanto elenchi aridi di parole chiave concatenate fra loro in qualche modo.
Google iniziò così a premiare il nostro assiduo lavoro e, da allora, le pagine indicizzate di Notturnia aumentano di giorno in giorno, scalando fra i risultati della SERP.

Ciononostante, il contatore delle visite ci segnalava che dovevamo migliorare le sorgenti di traffico per continuare ad aumentare la popolarità del nostro sito: ci siamo serviti allora dei social networks principali, Facebook e Twitter, per incrementare i backlinks e, contemporaneamente, abbiamo intrapreso un’attività di link popularity orientata a trovare siti o directory che ci permettessero di far conoscere la nostra attività e di avere un link di ritorno al nostro sito.

La costruzione di un sito è dunque solo la punta dell’iceberg, per avere davvero dei risultati non solo di semplice visibilità (SEO) ma di visibilità mirata (SEM) che arrivi agli utenti realmente interessati, c’è moltissimo lavoro da fare in più!
Dopo ben cinque mesi di manutenzione, aggiornamento e sacrifici, sono arrivate le prime conversioni, i primi clienti che ci hanno conosciuto per la prima volta attraverso internet ed il nostro sito web.

E’ una grande soddisfazione ma, noi di Notturnia la consideriamo soltanto un punto di partenza. I nostri prossimi passi saranno orientati verso comunicati stampa, quiz divertenti su Facebook e qualsiasi altra cosa possa essere innovativa e propedeutica al rilancio continuo ed all’evoluzione del sito.

Energia e persistenza conquistano qualsiasi cosa!

Commenti