Email this to someoneBuffer this pageTweet about this on TwitterShare on Google+Share on LinkedInShare on Facebook

Mi sono recentemente imbattuta in Advanced Web Ranking, un tool, realizzato appositamente per chi si occupa di SEO SEM, e web marketing in generale, che permette di monitorare l’andamento del sito nelle serp di tutti (e sono veramente tutti!) i motori di ricerca, unendo in un unico software possibilità finora offerte solo da tool diversi, con un notevole risparmio di tempo ed energie.

Il programma è disponibile con quattro tipi di licenza, Standard, Pro, Enterprise e Server, più una versione Free.
Tutte le versioni presentano spunti interessanti, anche se le prime risultano effettivamente un po’ limitate per chi si occupa di SEO per lavoro: la versione Free infatti è limitata a cinque progetti, mentre la versione Standard non ha la possibilità di estrapolare i report.

Si tratta di unsoftware che genera in pochi minuti il ranking del sito rispetto alle parole chiave inserite dall’utente.
La particolarità e la chiave che lo rende così interessante, è la possibilità di seguire l’andamento delle keywords nel tempo, controllando in questo modo sia la risuscita delle nostre tattiche SEM, che quelle degli avversari.

Mi spiego meglio: il tool, sulla base del dominio e delle parole chiave fornite dall’utente, trova in automatico i principali competitor nelle SERP, ed analizza il nostro ed il loro posizionamento rispetto alla specifica keyword, nonché il ranking del sito.
L’utente poi, una volta creato il progetto, ha la possibilità di seguirlo, monitorando i cambiamenti nella classifica e l’efficacia o meno delle proprie azioni di marketing.

Oltre a controllare l’efficacia delle nostre azioni è bene controllare quelle dei competitor, se un dominio infatti sale di una posizione o due nelle SERP è evidente che si è in presenza di una tattica SEM, surfando nella rete è possibile intuire quali sono le strategie messe in atto e (perché no?) anche imparare dalle stesse.

Un ulteriore punto di forza inoltre è la possibilità di scegliere i motori di ricerca, oltre a Google vi sono anche Yahoo, Bing ed altri motori di cui fino a ieri ignoravo completamente l’esistenza (nel caso poi gli autori se ne fossero lasciati sfuggire qualcuno potete sempre aggiungerlo!)
La questione diventa particolarmente interessante se si seguono progetti multilingua, in questo caso infatti potete confrontare il ranking del dominio rispetto al sito direttamente con i principali motori di ricerca della lingua originale, ad esempio per un sito in tre lingue italiano, inglese e francese è possibile confrontare le keywords italiane su Google Italy, quelle inglesi su Google England e le francesi su Google France, ottenendo una visone d’insieme decisamente più chiara.

Un’altra funzione interessante del programma, ma non disponibile in tutte le versioni, è la possibilità di generare dei report in automatico, sia nella pagina specifica, che del quadro in generale; questo permette di fornire immediatamente un riscontro a superiori o clienti finali.

La possibilità di scegliere tra lingue differenti e la presenza di una dashboard ben strutturata rendono l’interfaccia semplice ed intuitiva ed anche se i baloons per i consigli sono un po’ fastidiosi questi possono essere disattivati.

Per chi fosse interessato ad una prova è possibile scaricare la versione demo a questo link, la versione è gratuita e permette di provare in anteprima tutte e quattro le versioni del software, permettendo di scegliere quella che meglio si adatta alle proprie esigenze.

Commenti