Email this to someoneBuffer this pageTweet about this on TwitterShare on Google+Share on LinkedInShare on Facebook

Ho avuto modo di fare un corso di aggiornamento sul seomarketing in cui erano presenti professionisti e colleghi del settore. Dopo il corso porto a casa, come ennesima conferma, quanto il sistema del web abbia sempre più correlazione con il sistema sociale in cui siamo immersi. Per chi non avesse conoscenza di cosa sia il SEO può tranquillamente seguire il mio ragionamento perché cercherò di formulare la cosa in maniera semplice.

La straordinarietà di questo sistema è che prende spunto da una logica sociale di aggregazione: il network come valore aggiunto per il posizionamento ottimale. Tutti noi nella vita sociale ci muoviamo in relazione a dei compiti da seguire. Avere un network sociale più strutturato agevola le nostre condizioni sociali. E’ evidente quindi che se siamo in connessione con una persona influente questo ci rende in qualche modo valore. Allo stesso modo se i miei “amici” collaborano insieme con me avremo più visibilità e maggiore possibilità di emergere rispetto a chi lavora da solo. Il network assume quindi valore in relazione al numero delle persone ed al singolo valore con cui questi contribuiscono.

Nel settore del marketing questo principio è fondamentale per poter lavorare. La mia riflessione è che attualmente le grandi media agency hanno delle difficoltà di gestione. I lavori vengono delegati a cascata su piccoli operatori, talvolta più pronti nel sapersi aggiornare. Gli operatori del marketing, da me definiti pmi ( piccoli e medi imprenditori), sono pronti a collaborare per costruire una “rete di valore” o vorranno continuare la corsa alla fetta più grossa da portare a casa?

Io conosco Giorgio da un po’ di tempo, e con l’occasione del corso ho avuto modo di rincontrarlo. Come lui ho conosciuto Alessandro Banchelli, Francesco Tinti e Andrea Pernici. Senza esagerazione un “top team”.
Facendo pace con il mio ragionamento mi piace pensare che insieme a questo piccolo network a “connessioni lasche” io possa un giorno dar vita ad un progetto basato sul principio di cui sopra: il network come strumento di valore per il posizionamento (nel lavoro).

Vedete in questo progetto di network di persone (indipendentemente dai nomi) utopia o reali potenzialità?

Commenti