Email this to someoneBuffer this pageTweet about this on TwitterShare on Google+Share on LinkedInShare on Facebook

Di Delia Barone

Foursquare è il servizio di geolocalizzazione più utilizzato e diffuso tra gli utenti, che competono e si divertono tra di loro. Uno dei suoi punti forti, infatti, è l’aspetto ludico, che spinge le persone a effettuare check-in per sbloccare i badge e diventare mayor dei luoghi che visitano. In generale, la forza dei LBS, stà nella predisposizione delle persone ad avvicinare la propria vita on-line a quella off-line e viceversa. E’ facile supporre quante oppurtunità possano offrire questi servizi di geolocalizzazione per le aziende.

Foursquare ha da poco migliorato i suoi servizi business facilitando l’accesso ai brand.
In particolare, le “special offers”, offerte speciali per i mayor o per chi effettua il chak-in, danno la possibilità di creare quello che in psicologia viene chiamato Reinforcement. Il rinforzo, oltre ad essere un ottimo modo per premiare la fedeltà del consumatore, è anche un incentivo/incoraggiamento per possibili nuovi clienti.
Molte aziende stanno già usando foursquare per coinvolgere e interagire con le persone, ninjamarketing in questo post, cita 5 brand che lo utilizzano per il loro business. Si tratta di 5 case history, provenienti tutte dagli stati uniti, di brand molto conosciuti.

Ma può anche un’azienda meno nota utilizzare questi strumenti? La risposta è si, vi riporto un caso molto interessante.

GranataPet è un’ azienda tedesca, produttrice di cibo per animali domestici che ha realizzato la sua ultima campagna marketing utilizzando foursquare, avendo a disposizione un budget limitato.
Ha posizionato un cartellone pubblicitario in una zona molto trafficata da “cani al guinzaglio”, su cui era presente un messaggio molto semplice: “Check in! Snack out!”. Come si può vedere dal video, ad ogni check-in del padrone, automaticamente viene erogata un parzione di cibo per il cane.
Un utilizzo creativo di uno strumento totalmente gratuito, che dimostra come, anche i piccoli brand, possano promuovere i propri prodotti e fidelizzare i clienti.

Un’azione semplice, poco dispendiosa, senza l’utilizzo di coupon noiosi, che incuriosisce e diverte i padroni, e che sicuramente piace molto anche ai loro cani!!!

Commenti