Email this to someoneBuffer this pageTweet about this on TwitterShare on Google+Share on LinkedInShare on Facebook
treno.jpg

Forse per distrarci dalle snervanti attese dei treni costantemente in ritardo o forse per potenziare realmente il servizio? Sono un po’ sarcastica lo so, ma quale pendolare non lo è? Ad ogni modo, pare che Trenitalia stia prendendo in considerazione l’ingresso nel mercato come Mobile Virtual Network Operator, sottoscrivendo degli accordi con gli attuali provider di telefonia mobile per usufruire delle loro capacità di trasmissione.

L’idea è tutt’altro che bizzarra dato che Ferrovie dello Stato S.p.A. potrebbe sfruttare la rete, voce e dati, interna GSM-R (cioè la propria rete di sicurezza “chiusa” ad utilizzo, per ora, prettamente interno) basata su un segnale GSM a 900 MHz che copre 9.000 km di rete ferroviaria italiana, ricevuto anche in galleria. Se il progetto andasse in porto, dovrebbero essere previsti potenziamenti del segnale, che potrebbe diventare un UMTS 3G. Il servizio dovrebbe, perciò, garantire una connessione always on ad alta velocità che permetterà, a quei lavoratori che sono costretti a passare in treno molto tempo, di scaricare la posta o navigare in Internet.

Il progetto è stato reso pubblico dall’amministratore delegato Mauro Moretti nel corso di un’audizione tenuta davanti alla Commissione Trasporti della Camera: “’Non abbiamo attualmente una licenza d’uso commerciale per la nostra rete, ma solo ad uso interno. Se l’operazione comportasse un ritorno vantaggioso, siamo pronti a investire e a pensare ad un uso commerciale. In questo modo le Ferrovie assicurerebbero ai propri clienti un servizio di grande efficienza e affidabilità anche in vista dei nuovi servizi potenziati di alta velocità che partiranno dal prossimo 14 dicembre”. Per ora, resta solo un progetto. Bisognerà attendere il parere di Agcom e i risultati delle dovute analisi per capire se ci sono le condizioni per un ritorno economico.
Intanto, continuo a sperare in un trasporto migliore; spero di non dover essere costretta ancora a lungo alla guerra civile, ogni mattina, per conquistare un posto a sedere e spero che il treno delle 8.28 a Treviso prima o poi arrivi puntuale.

Commenti