Email this to someoneBuffer this pageTweet about this on TwitterShare on Google+Share on LinkedInShare on Facebook
url1.jpg

Riceviamo&Pubblichiamo il consueto e ottimo contributo di Claudia Ferrari di Salsadigitale.net

“E’ importante che l’indirizzo Web sia corto, pregante e sintestico, affinché lo si possa ricordare, dopo averlo letto su una pagina di giornale o averlo notato su un cartellone pubblicitario[…]”
Fonte: Principi di Net Semiology di Cinzia Ligas e Fausto Crepaldi edizioni Hops, tecniche nuove (http://www.netsemiology.com/).


Continuando nella lettura troviamo altre indicazioni: la Url deve essere presumibile e anche il suffiso ha la sua importanza: ad ogni cultura rappresentata dal .it, .fr, .uk e così via, associamo stereotipi e significati.

Bene.

Risale a un paio di anni fa l’incontro con un bel furgone bianco dal quale capeggiava uno strutturatissimo “www.iprofessionistideltrasloco.it”. Sovrastando altri elementi grafici si presentavano tre simpatiche sagome dotate di papillon rosso.
Dal sito si comprende la natura consortile del servizio: un gruppo di trasportatori locali che si sono associati per contrastare l’avvento della globalizzazione.

Non si può dire che questa URL sia corta o sintetica, è presumibile e pregnante se conosci il consorzio ma non se cerchi la singola entità territoriale o stai cercando “Trasloco”. Su di una lunga stringa di testo aumenta la possibilità di commettere errori di digitazione.
Nonostante tutto, ad anni di distanza, mi ricordo l’indirizzo del sito, mi ricordo il logo e provo un moto di estrema simpatia per quelle tre figure servizievoli. Probabilmente termini più efficaci come “iltrasloco.it” o “traslocatori.net” non avrebbero sortito lo stesso effetto perchè quello che più mi ha colpito è stata proprio l’estensione del termine.

L’indirizzo web di un’azienda è un elemento strategico e contemporneamente è parte di un tutto più strutturato. Questo impone almeno di farsi qualche domanda a riguardo e seguire le regole del buon senso e dell’esperienza è sicuramente un punto di partenza.
Al metodo aggiungerei un paio di considerazioni:
 – non disdegnare indirizzi sopra le righe se questi sono dotati di personalità e simpatia;
 – sono anni che cito questo sito come esempio facendo involontariamente una buona dose di pubblicità gratuita;
 – non sottovalutare le strane dinamiche mentali delle persone perchè se mi chiedete cosa trovo simpatico nel sito citato o nel logo, proprio non ve lo so dire.

che ne dite?

Commenti