Email this to someoneBuffer this pageTweet about this on TwitterShare on Google+Share on LinkedInShare on Facebook
Avete mai bramato l’uscita di una nuova bicicletta Atala, di una televisione telefunken o di un deodorante Axe? Nemmeno io. Com’è possibile che la blogosfera sia in fibrillazione per il keynote di Steve Jobs al MacWorld 2008(con tanto di diretta)?

Il motto della giornata è “C’è qualcosa nell’aria”, come recita furbo il sito dell’azienda della mela. Un CEO le cui parole sono attese come quelle di un profeta del nuovo secolo ed un brand sempre più sulla cresta dell’onda, qui c’è tutto il marketing innovativo e non convenzionale che volete: virale, lovemark, guerriglia, social.. ma c’è soprattutto vera empatia..

Cosa presenterà Steve Jobs? Io non ho più comprato mac dopo aver frullato il mio 12 pollici per il semplice motivo che non volevo passare al 13″. I rumors provenienti dal sito http://www.macrumors.com/ danno per quasi scontata la presentazione di un nuovo laptop super sottile che eliminerà l’hard disk a favore di una memoria flash abbastanza capiente puntando soprattutto sulle dimensioni del prodotto. Io punto su 10-11 pollici e grande duttilità, ma comunque ancora un computer, probabilmente un fantastico laptop, possibili esternalità positive

– batterie di lunghissima durata
– connettività anche umts

Ma perchè la gente sta impazzendo? Io credo che la passione del pre-lancio che divora i più sia figlia della fiducia incondizionata verso un brand che innova davvero, la appleTV non ha avuto successo? “E’ la gente che non è ancora pronta“, Windows ha un virus? “Quel software è terribile“. Ciò che apple fa bene è dare ad ogni nuovo prodotto l’etichetta di rivoluzionario ed irrinunciabile, dall’ipod all’iphone non possiamo dire che le ultime uscite siano state dei fallimenti. Ma un brand del genere si può costuire? A mio avviso sono troppe le coincidenze straordinarie che hanno reso possibile questo successo, di sicuro però dietro ad un brand straordinario c’è sempre una guida carismatica (Armani, Ferrari etc..), una tradizione forte (anche nel fare scelte impopolari e rischiose) ed un’idea di innovazione tutta particolare, apple stupirà anche stavolta?

Commenti