Email this to someoneBuffer this pageTweet about this on TwitterShare on Google+Share on LinkedInShare on Facebook
Non è tutt’oro quel che luccica. Sembrava troppo bello che i programmi internet che permettono operazioni di chiamata o di messaggeria funzionassero così perfettamente. Aveva fatto scalpore la notizia del black out di qualche giorno fa di Skype, azienda fondata nel 2003 da Niklas Zennstrom e Janus Friis e comprata da Ebay nel 2005. 220 milioni di utenti sono rimasti letteralmente tagliati fuori dall’interruzione del servizio che ha mandato in vacanza forzata Skype. La società che ha sede in Lussemburgo fa sapere tramite un comunicato che l’interruzione è avvenuta in seguito ad un riavvio generalizzato dei computer degli utenti di tutto il mondo in un breve periodo di tempo per via di un aggiornamento di “Windows Update”. Questa massa di richieste di connessioni ha generato un disastroso effetto a catena, non prevedibile e non riparabile immediatamente dal sistema di autoriparazione del programma voip.

La notizia ufficiale pertanto tranquillizza, almeno parzialmente, gli utenti circa le voci di attacco hacker e di attività illecite in generale che si erano diffuse nelle ore immediatamente successive al black out. Già si cominciava a parlare di impossibilità, anche nell’infinito mondo del web, di una gestione senza intoppi di un servizio per un così alto numero di utenze. In realtà la causa del crash è stato, come abbiamo visto, molto più banale rispetto alle aspettative, anche se, su stessa ammissione della dirigenza Skype, si riconosce come questa interruzione non abbia pari in termini di impatto e durata. Sottolineano peraltro come qualunque tecnologia o rete di comunicazione sia soggetta naturalmente ad interruzioni del servizio.

Intanto, Telefono Blu Consumatori denuncia che anche Alice è in tilt. Il server Telecom infatti, già dal 14 Agosto non permette più l’invio di sms. La causa? Ancora ignota. Un Agosto burrascoso per i gestori di reti di comunicazione…
Nonostante il lieto fine comunque, sono stati giorni roventi per i responsabili di Skype, dato che non è stato immediato il riconoscimento della causa del tilt. E soprattutto, dal punto di vista dell’immagine, qualcosa si è inevitabilmente incrinato.

Luca Crivellaro
Per approfondire: voipcheap Vs skype

Credits immagine: tecnozoom.it

Commenti