Email this to someoneBuffer this pageTweet about this on TwitterShare on Google+Share on LinkedInShare on Facebook
Avrei voluto chiamare questo post “social tagging crossmediale” ma la sola parola spaventava anche la parte di me in cui risiede lo smanettone. L’evidenza però sembra questa, nonostante la complessità tecnologica di rss ed etichette, le funzionalità che questi nuovi strumenti di correlazione democratica garantiscono sono assolutamente da non perdere.

Le etichette, in particolare, si collocano in un nuovo ecosistema della ricerca (quello che sto tentando di tracciare nella mia tesi) che vede un utente sempre più affamato di informazioni, bombardato di stimoli, spesso però sbagliati. Lo dice Veronis in un paper in cui presenta i risultati di un esperimento universitario di confronto di sei motori di ricerca, tra cui google e yahoo!, evidenziando una soddisfazione degli utenti rispetto ai motori vincitori (per l’appunto i due major search engines americani), comunque inferiore alla sufficienza (2.3 su 5 con soglia di sufficienza a 2.5). La sete di informazioni e le fonti inadeguate hanno dato vita a una rivoluzione dal basso, fatto non nuovo per chi vede 2.0 anche nelle pacche sulle spalle, che ha portato gli utenti stessi, i blogger, i flickr, gli youtuber ad etichettare le proprie creazioni per renderle più comprensibili a chi, non umano, di lavoro fa il robot (lo spider) e cerca di tracciare informazioni e relazioni.

Proprio sulle relazioni il tema è caldo, le tag permettono di individuare correlazioni intra-blog, ad esempio, ma anche inter-blog portando a compiere percorsi sull’onda delle connessioni assolutamente divertenti e formativi, nonché tematizzati (chi di voi usa MyBlogLog – quella cosa con le faccine in basso a sinistra in questo blog -) sa che è divertentissimo surfare tra i visitatori e capitare su blog a tema, finendo poi su toccandosarah o nella tana dell’immancabile kawakumi, che ringraziamo per l’assiduità di lettura). Spesso le masse si organizzano e utilizzano le tag come mezzo, dai marketing playoff ai barcamp, c’è sempre una tag “consigliata” per dare massa critica a questa forma auto organizzativa.

Il futuro delle etichette però, è molto più roseo di quanto sembra. Pensiamo per un attimo al mobile tagging: io scatto una foto in aeroporto, la invio (wi-fi) alla mia ragazza che ha sul comodino una di quelle cornici che proiettano slideshow, la suddetta suona (non la ragazza, la cornice) e la avverte della mia immagine, taggata, oltre a quella la cornice ricorda automaticamente 5 bei momenti “correlati” e propone di cercare tra le mail e i post sui blog per approfondire.. magari la mia ragazza sarà in ritardo col treno e snobberà le tag ma l’apertura di vedute che questi nuovi strumenti consentono, e soprattutto consentiranno, è a mio avviso incredibile. Keep in tag!

Giorgio

immagine: shpalmena.splinder.com

Commenti