Email this to someoneBuffer this pageTweet about this on TwitterShare on Google+Share on LinkedInShare on Facebook

Accolgo con entusiasmo, ringraziandola, l’invito di atinne a continuare questa simpatica trovata per farsi conoscere un po’ meglio. Provo allora a raccontare “le 5 cose che non sai di me” :

1) Da piccola credevo di riuscire a far piovere più forte e di muovere le tende col pensiero e altre cose simili (..ero molto piccola), con gli anni mi è rimasto un discreto interesse per il sovrannaturale, ora mi affascina l’astronomia (molto meno l’astrologia) e tutti i pensieri elevati: in questo senso sono un po’ platonica perché a volte ragiono su cose inutili ma giganti che non condivido quasi con nessuno.

2) Pur sembrando espansiva e solare amo la solitudine, pur sembrando progressista su certi valori sono anche troppo rigida, pur sembrando forte su alcune cose sono estremamente fragile, pur sembrando indipendente faccio una gran fatica (anzi non ci tengo nemmeno) a tagliare il cordone ombelicale, pur sembrando libera a volte la mia testa proprio non lo è.

3) Ho poche amiche e amici veri ma vado fiera del fatto che quelle persone sono un po’ una seconda famiglia, sono preziosissime e mi sento un sacco fortunata quando mi accorgo che tra noi c’è un’affinità elettiva unica che tutti gli altri non possono nemmeno capire. Perché alla fine quello che mi piace davvero di una persona è la profondità, il coraggio, l’orgoglio e la fluidità di pensiero.

4) Amo il sole, il mare, l’allegria, i viaggi, il calore, correre, le buone cene e i buoni libri, la cioccolata, la spensieratezza, la tenacia, le sfide, la bellezza in tutte le sue espressioni, l’apprendimento continuo, il mettere in dubbio tutto sempre e odio la debolezza di spirito, l’arroganza, l’altezzosità inutile, la mediocrità, il non saper fare le cose, il freddo umido polesano e gli amaretti.

5) Forse domani prenderò il porto d’armi ma non credo che potrei mai andare a caccia, mi vergogno un sacco del fatto che all’età di 8 anni ho ucciso un fagiano per dimostrare a papà che ero degna di essere figlia di un cacciatore. Forse UN domani mi interesserò di piante e giardini, settore dell’azienda di famiglia ma devo ancora pensarci un po’ sopra..

E ora non mi resta che lanciare il meme agli altri componenti di marketingarena!

Ilaria

Commenti