Email this to someoneBuffer this pageTweet about this on TwitterShare on Google+Share on LinkedInShare on Facebook

Accolgo con grande gioia l’invito di Leonardo a dare linfa ad un meme che viene da lontano. Ecco quindi “le 5 cose che non sai di me” con una doverosa premessa: marketingarena è altre 7 persone che invito caldamente a raccogliere il meme partecipando nei commenti a questa simpatica iniziativa, tra l’altro consiglio un esercizio di backlink dal meme, si scoprono blog assolutamente meritevoli.

Pronti via!

1) Il mio primo computer è stato un amstrad anche se da li in poi ho sempre usato mac fino all’avvento di fifa che mi ha costretto al pc, oggi ho risolto con un pc fisso e un mac portatile 🙂

2) Ho imparato prima ad andare in moto che in bici perchè mio papà è un grande appassionato di motori e cose strane, non poteva per questo non mettermi sopra un mezzo molto particolare, una motoretta a 3 ruote con la quale ero solito entrare alla sip (ora telecom) sotto casa suscitando ilarità e panico.

3) Ho odiato profondamente la matematica e l’economia aziendale, ho sempre pensato che ripetere per due volte lo stesso esercizio sia una perdita di tempo, lo penso ancora. Allo stesso modo mi affascinano le logiche fuzzy e le nanotecnologie, i problemi matematici irrisolti e i misteri del sistema solare.

4) Amo oltremodo lo sport, la lettura e i viaggi. Faccio quasi discretamente il portiere a calcio e vado in palestra da 6 anni, penso che chi dice che andare in palestra è divertente sia scemo, ma penso che lo sia anche chi sostiene di non guardarsi mai allo specchio. Sogno un Hummer H1 e qualche mese a Puerto Banus (Marbella) per imparare a giocare a golf, sogno tutto sommato non irrealizzabile il secondo, servirà un pò per il primo :-). Sono tanto sincero quanto permaloso.

5) Da grande volevo fare il pompiere, una volta ho scritto al ministero dell’interno che ha inviato un incazzattissimo pompiere a casa mia a protestare con mia mamma, avevo sostenuto nella mia lettera che i pompieri erano cattivi e non mi volevano regalare il loro giubbotto fluorescente. Funziona! Ho ottenuto un giro in anfibio 🙂
Dormo poco e male a causa di una fastidiosa sinusite che però migliora crescendo, nella vita rischio di fare il markettaro perchè fondamentalmente una minchiata puoi chiamarla “esperienza” e un atto vandalico “guerrilla marketing”, siamo un pò dei bambinoni.

Il meme (la mia tesi sul marketing virale mi ricorda che su questo termine hanno dei meriti Dawkins e il suo gene egoista e Francesco Ianneo che ne scrisse in tempi non sospetti) ora prevede 5 nomi cui girare l’invito, eccoli:

Dario

La Markettara

Nicola

Atinne

Maurizio

Commenti