Email this to someoneBuffer this pageTweet about this on TwitterShare on Google+Share on LinkedInShare on Facebook


Gli studenti si stanno aggiornando sempre più al mondo del web 2.0 e malgrado di questo se ne sia già parlato in un post precedente e sul blog www.firstdraft.it ho trovato interessante riportare alla luce il caso degli studenti di unieconomia.it che sono riusciti a creare un modello di istruzione vincente: il loro forum ormai ha raggiunto numeri di iscrizione molto elevati e credo abbia coinvolto gran parte degli studenti della facoltà di economia.

Il modello rappresenta un successo perché pone ad un livello superiore gli studenti, riuscendo a metterli in comunicazione laddove sarebbe sicuramente impossibile, creando una rete sempre più fitta di allievi pronti ad aiutarsi l’uno con l’altro, e non necessariamente a pagamento: anzi credo che il punto più riuscito del progetto sia lo spirito di solidarietà che si è creato tra gli utenti sfidando i non poco spessi muri del lucro nello scambio di informazioni e di appunti.

Quello che mi interessa far notare con questo post non è tanto il lato progettuale e tecnico, quanto lo sfondo che sta dietro a tutto ciò, ed è per questo motivo che non credo sia importante dover descrivere la costruzione del forum o le strategie che cercano di aumentare la partecipazione al sito stesso, anche se ho notato spesso che si è cercato di coinvolgere in più modi e su più fronti gli studenti, anche in modo divertente,e quindi vi rimando al sito per capire meglio tutto questo perché certe cose vanno vissute direttamente per capirle a fondo.

Mi sento dunque in dovere di dover fare i complimenti agli amministratori, e creatori, del progetto per essere riusciti in qualche modo ad unire gli studenti ed a portarli nel mondo 2.0: Anche Marketing Arena cerca un approccio 2.0, ma lo fa in modo e con strumenti diversi; ritengo tuttavia che le 2 piattaforme possano essere, come già detto in passato, due esempi di “studenti innovativi” che hanno la voglia e la forza di creare reti forti e coese e riuscire così a preferire la via della comunicazione e della collaborazione all’individualismo come unico driver di crescita.

In conclusione, vi propongo una intervista alla quale i fondatori del forum si sono gentilmente sottoposti e della quale si è occupato Luca Dalla Villa:

Chi è la mente di Unieconomia? L’anonimato dei responsabili è una cosa voluta ad Hoc?

Unieconomia.it nasce da due progetti distinti uniti ad un’ispirazione accademica. A gennaio 2004 nasce www.universita.ws da un’idea di Matteo Gubitta (Metius), una matricola di economia della sede di Portogruaro: Il sito rispondeva al classico bisogno tipico di una matricola isolata, ovvero chiedere informazioni a studenti più esperti.; c’era, infatti, una bacheca alloggi e un insieme di e-mail di studenti di varie università italiane. Nel maggio 2005 Michele Costola (Uno) crea www.cafoscari.tk un forum con circa 50 membri che mira alla condivisione di informazioni universitarie; proprio in quel periodo si annuncia l’introduzione del numero chiuso nella facoltà di Economia e Michele pensa di mettere alcuni avvisi che rimandavano ad una prima community degli studenti di Economia.

Seguendo il corso di E-Business tenuto dal prof. Stefano Micelli, Metius (che intanto si era trasferito nella sede di Venezia) viene folgorato dall’idea di costruire una community degli studenti. Comincia a sviluppare l’architettura di universita.ws ma si accorge presto che per sfruttare al meglio le potenzialità della rete serviva qualcosa di più… serviva cafoscari.tk! Di conseguenza Metius contatta Uno, che intanto stava già sviluppando nuove idee, e gli propone di entrare in universita.ws…. L’unione fa la forza!…ed è così che il 28 Novembre 2005 dalla fusione dei due progetti nasce la community Unieconomia.it!
L’incontro tra Michele e Matteo è stato naturale proprio perché avevano le stesse visioni su come organizzare il tutto.

Vorremmo chiarire il fatto che l’iniziativa non è del tutto anonima, i due responsabili hanno prontamente avvisato il preside della facoltà, sono pienamente consapevoli delle loro responsabilità e se cercate un po’ nel sito trovate anche le loro foto…
L’identità dei membri della community è, invece, volutamente (apparentemente) anonima perchè, sapendo che anche i professori leggono spesso il forum, crediamo sia fondamentale lasciare che gli studenti si esprimano liberamente proteggendo la loro reale identità senza temere ritorsioni personali.
Mi piace spesso ricordare a tutti che visitando Palazzo Ducale si può scoprire che anche l’antica Repubblica di Venezia aveva un sistema di denuncia ANONIMO efficace contro corruzioni ed irregolarità.

Vi siete mai trovati a gestire situazioni critiche a limite della censura? Alcuni prof. dell’Ateneo si sono lamentati?

Momentaneamente il team di controllo è formato da quattro moderatori e due portal visor, la
loro attività è necessaria a prevenire e reprimere ogni intervento considerato irregolare ed offensivo. “Stellina” in particolare riesce a coordinare l’attività di moderazione in modo da avere un controllo totale su tutti i post e a mantenere una buona qualità delle discussioni.
Ci è anche capitato di dover censurare interventi offensivi o troppo “estremi” e di aver espulso utenti non rispettosi del regolamento ed è anche per questo che abbiamo dovuto tenere i discorsi politici al di fuori del forum principale. Se una discussione decade in banali discorsi “da bar” ne paga la qualità generale del forum.

Sappiamo che alcuni professori parlano di noi durante le lezioni; ci risulta siano parole di stima che non fanno che renderci più popolari tra gli studenti. Nel forum non si fa niente di illegittimo, non ci sono traffici illeciti e soprattutto non ci sono offese!!!

Il forum è senz’altro utile per ogni studente di economia, ma la cosa che più colpisce è la freschezza dei contenuti. Ci sono idee che sono nate nel forum e che poi siano state apportate all’Università?

Sottolineo il fatto che “gli studenti ne vanno matti”, cioè trovano molto utile e divertente passarsi le informazioni sugli esami e i professori. Siamo arrivati a 1800 membri con il puro passaparola!!!
Per quanto riguarda il rapporto “Istituzioni-Unieconomia”, più volte noi amministratori abbiamo inoltrato alla presidenza le istanze e le lamentele sorte dagli utenti del forum; abbiamo addirittura sottoposto i nostri utenti ad un sondaggio per conto della presidenza stessa. Inoltre ci impegniamo spesso a pubblicizzare le iniziative dei professori, come i seminari e i laboratori.
Credo inoltre (semplice supposizione) che l’ideatore del tour fotografico virtuale dalla stazione FS a San Giobbe (inserito recentemente nel sito della facoltà di Economia) sia stato ispirato dalle foto presenti nella nostra gallery, nella sezione Road to San Giobbe ( nata un anno fa…).
A proposito di contenuti voglio invece annunciarvi che a breve uscirà il nuovo giornalino di facoltà che si chiamerà “il Macello”. La maggior parte della redazione è formata dagli utenti più attivi della community e molti degli argomenti che si tratteranno sono proprio stati ispirati da discussioni scaturite nel forum. Il giornalino avrà una sua appendice on-line nel blog (che sarà anche un video-blog) all’interno di unieconomia.it (www.universita.ws/ilmacello).

Altro che vogliate aggiungere?

A mio avviso il progetto più interessante di unieconomia.it è lo scambio di “materiale didattico” di ogni singola materia. Nell’Area Download & Condivisione gli utenti possono condividere appunti, esami e tutto il necessario per aiutarsi nello studio. Noi cerchiamo di incentivare lo scambio con il meccanismo dei Karma, ovvero assegnando un punto di Karma a chiunque inserisca del materiale (probabilmente daremo un premio a chi ne ha di più). Il principio di base è questo: una volta finito l’esame scrivi il testo dell’esame e condividilo con gli altri studenti! Condividi la tua esperienza e ne trarrai vantaggio anche tu! Ci sono quasi 300 file in condivisione…
Stiamo sfruttando solamente una piccola parte delle nostre potenzialità, vi riserveremo nuove sorprese e rivoluzioni…

Stefano Guerra per Marketing Arena (Post)
Luca Dalla Villa per Marketing Arena (Intervista)

Commenti