Email this to someoneBuffer this pageTweet about this on TwitterShare on Google+Share on LinkedInShare on Facebook
Mi chiamo Quigo, sono nata a New York nel 2000, offro soluzioni di marketing innovative per gli advertiser online. Oggi non molti mi conoscono, soprattutto in Europa, ma negli Stati Uniti sto conquistando la stima di una parte del mercato, tanto che perfino il New York Times mi ha dedicato un articolo.
Si parlava di mercato…infatti le cifre dicono che tra il 2005 e il 2010 il mercato dell’advertising online crescerà del 34% (stime di US Bancorp Piper Jaffray), e l’advertising online “locale” addirittura del 64%.
Anche se attualmente sono molto piccolo, ho infatti meno del 10% della quota di mercato nei “contextual ads”, il mio successo è in rapida crescita e sento di poter rappresentare un punto di svolta per il futuro dei link sponsorizzati.
Google e Yahoo, infatti, si sono accorti di me, e forse stanno pensando di affinare le loro strategie.
Sono specializzato nei “contextual ads”, quei link, accompagnati da poche righe di testo, che gli inserzionisti comprano dai motori di ricerca, associandoli a un certo numero di parole chiave che descrivono il loro settore/prodotto/servizio. I link pubblicitari, inoltre, compaiono in migliaia di siti: questi tipi di link permettono la suddivisione dei ricavi tra la società che fornisce il servizio e il sito ospitante. Ma il mio sistema funziona diversamente rispetto a quello di Google e Yahoo, infatti le mie caratteristiche sono:

· Trasparenza e controllo: gli advertiser che pagano Google e Yahoo per i contextual ads non sanno dove i loro annunci verranno pubblicati (si tratta del cosiddetto “blind network”). Quigo invece è in grado di fornire una lista di siti specifici in cui le inserzioni compariranno, in modo da offrire la possibilità di acquistare sono una specifica parte del sito o una singola pagina. La trasparenza incoraggia gli investitori a spendere più di quanto farebbero con Google e Yahoo.

· I responsabili dei siti possono avere più successo con un programma di advertising mirato e specifico
· Quigo permette di potenziare la vendita di text ads da parte delle agenzie media e di mantere la relazione con i propri advertiser

Considerato che il mercato dei “contextual ads” genera all’incirca 2 miliardi di dollari l’anno (=13% della spesa dell’advertising online), conquistare la leadership in questa “nicchia” di mercato potrebbe risultare molto redditizio.

Dopo aver raccontato gli scenari di mercato, propongo alcuni spunti di riflessione:
Su quali punti è possible competere con Google? Quali sono le strategie che possono rivelarsi maggiormente vincenti? L’attacco ai fianchi, ad esempio, come nel caso dell’offerta di Quigo, può a lungo andare sgretolare una parte della quota di mercato del gigante? O succederà come con il caso di Google Video?

Filippo Minelli per marketingarena

Commenti