Email this to someoneBuffer this pageTweet about this on TwitterShare on Google+Share on LinkedInShare on Facebook

Variazione sul tema viral marketing a fin di business: sbarca in Italia il sito per autori emergenti lulu.com, sito nato nel 2002 che si basa su due servizi:

stampa di libri on demand: l’utente da gratis a Lulu.com il proprio libro, Lulu.com lo pubblicizza sul proprio sito e lo stampa solo per richiesta. L’autore fissa il prezzo, e Lulu.com detrae 8 dollari da ogni copia venduta (per le spese di stampa, basse, molto basse) e poi dà all’autore l’80% del resto

lulu.tv: piattaforma dove pubblicare condividere su internet file audio/video/immagini (…che fantasia…)

Entrambi i servizi permettono agli autori fortunati di ricavare denaro dalle proprie creazioni
E il viral marketing cosa c’entra?!? I contatti coi blogger, da noi molto influenti, permettono la diffusione sfruttando appunto blog, social network e quant’altro: non per niente il libro più venduto è “la figlia della lupa” di Paola Silvestrini.
Finora Lulu.com ha venduto 60mila libri, con una crescita del 110% .
Anche Lulu.tv è innovativo: anche qui nessun tipo di pubblicità – e fin qua direte voi- e i video sono gratis.. chi paga l’abbonamento facoltativo (14.95 € al mese) può accedere al sistema di condivisione degli utili: in proporzione al numero di download del proprio file audio/video, si riceve una parte delle quote versate dagli altri abbonati. Lulu.tv ha 30mila visitatori al giorno, con un tasso di crescita del 100% mensile, pagando finora 20mila dollari agli autori.

La cosa che più mi preme sottolineare è come la creatività si manifesti in molte forme: l’innovazione di Bob Young, il fondatore di Lulu.tv, sta nell’aver capito il mercato e le tendenze generali nel web (voglia di condivisione in primis), sfruttando le potenzialità, più volte rimarcate, del web stesso (lo stracitato, osannato, controverso viral marketing). Chapeau Bob, great idea!

Marconato Gianluca per Marketingarena.it

Commenti