Email this to someoneBuffer this pageTweet about this on TwitterShare on Google+Share on LinkedInShare on Facebook

Cina…tentazione o necessità? Fiat ritenta la carta della world car…anche perché se il prezzo sarà l’equivalente di circa 8.500€ non si può proprio parlare di auto low-cost (Renault-Dacia Logan in Romania è venduta in versione base a meno di 6000 €). Francamente sono perplesso. Fiat intende vendere circa 40.000 esemplari all’anno e in totale 300.000 unità da qui al 2010.
Sono perplesso non per la scelta del mercato: la Cina è sicuramente un mercato emergente dove investire in quanto:
· il tasso di crescita negli ultimi 13 anni è stato del 70% circa (contro il 34-35 % medio mondiale – Africa esclusa) e sta aumentando tuttora a ranghi sostenuti
· Il tasso di motorizzazione è di circa 16 auto per 1000 abitanti contro una densità media di 329 auto per 1000 abitanti
· Se la Cina aumentasse il proprio tasso di motorizzazione fino a una densità di 100 auto per 1000 abitanti (un valore bassissimo a livello globale) il bacino potenziale, data una popolazione di circa 1,3 miliardi di persone, sarebbe di 110.253.000 vetture
· L’aumento di vetture immatricolate dal 1997 al 2003 è stato del 60% contro il 9% del mercato globale.
· La motorizzazione è ancora al primo stadio: è elitaria ( meno di 20 auto per 1000 abitanti) ma si sta affacciando a rapidi balzi al secondo stadio, quello della “motorizzazione in decollo” dove l’automobile, anche se considerata ancora un bene destinato alle classi più benestanti, inizia a diffondesi secondo tassi d’incremento che superano quello seguito dal reddito pro capite (il PIL pro capite della Cina dal 1990 al 2003 è aumentato del 9,1% contro una media mondiale del 4.9%).

Ma dico, con tutto questo ben di Dio, vai là a costruire una vettura con l’obiettivo di venderne circa 40.000?!?
Ma il marketing a che serve?! Francamente me lo chiedo, anche e soprattutto dinnanzi allo splendido lavoro fatto in campo nazionale ed europeo da parte del management Fiat, esemplare nel rilanciare un marchio in forte crisi di personalità e di vendite. Effettivamente non mi sembra che la nuova vettura, tale Fiat Perla (una berlina simil Logan) abbia le potenzialità per fare il botto. Intendiamoci, 40.000 vetture vendute non sarebbe un cattivo risultato, ma lontano dai risultati che si potrebbero ottenere con la progettazione di un’auto ad hoc ad un prezzo di circa 4000-5000€.

Chiaramente se dovessi esportare una tipologia di automobile nel mercato cinese opterei senza tanti ripensamenti a una sportiva, a una ammiraglia lussuosa o a un alto di gamma: le vere auto globali, che si vendono come il pane dappertutto sono queste: cercherei di fare i soldi con chi i soldi è ben disposto a spenderli.

Gianluca Marconato per marketingarena

Commenti